Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2014 April;27(2) > Chirurgia 2014 April;27(2):79-84

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2014 April;27(2):79-84

Copyright © 2014 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Management delle cisti epatiche benigne. Nostra esperienza

De Werra C., Del Giudice R., Di Micco R., Bracciano L., De Filippo D., Cervotti M., Palumbo R., Aloia S.

Department of General, Geriatric Oncologic Surgery and Advanced Technologies, University Federico II of Naples, Naples, Italy


PDF  


OBIETTIVO: Scopo dello studio era dimostrare la nostra esperienza riguardo il management delle cisti epatiche benigne, sia parassitarie che non parassitarie.
METODI: Da gennaio 1979 a novembre 2012 nella nostra struttura sono stati valutati 433 pazienti con cisti epatiche: 263 erano affetti da cisti epatiche parassitarie, 170 da cisti non parassitarie. Nella maggior parte dei casi la diagnosi è stata effettuata con l’ecografia e con test di laboratorio, invece in pochi casi con TC, RMN o ERCP. Invece per confermare la diagnosi delle cisti parassitarie sono stati utilizzati IFA, ELISA, LAT e IHA. La presentazione clinica più frequente delle cisti parassitarie è il dolore addominale, mentre più frequentemente la diagnosi di cisti non parassitarie è stata incidentale.
RISULTATI: La sensibilità dell’ecografia è di circa il 99% sia per le cisti parassitarie che non parassitarie, mentre la specificità era circa del 65% per le cisti parassitarie e dell’85% per le cisti non parassitarie, TC ed RMN hanno una specificità maggiore rispetto all’ecografia. Sensibilità e specificità dei test sierologici è rispettivamente del 98% e 96% sia per le cisti parassitarie che non parassitarie. Abbiamo trattato tutti i 263 pazienti con cisti parassitarie, e nella maggior parte dei casi abbiamo effettuato una cistopericistectomia radicale. Abbiamo trattato solo 21 pazienti con cisti non parassitarie, tra cui: uno era affetto da cistoadenocarcinoma, tre pazienti erano affetti da malattia di Caroli ed uno da una pseudo malattia di Caroli.
CONCLUSIONI: La corretta diagnosi è l’elemento più importante per differenziare le patologie cistiche del fegato e per effettuare il miglior trattamento.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail