Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2014 Febbraio;27(1) > Chirurgia 2014 Febbraio;27(1):55-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Chirurgia 2014 Febbraio;27(1):55-9

lingua: Inglese

Colla chirurgica cianoacrilica come alternativa ai fili di sutura per l’innesto di tessuto connettivo nella recessione gengivale: segnalazione di un caso

Mueller Storrer C. L., Cardoso G., Zielak J. C., Miranda Deliberador T., Rychuv Santos F., Ricardo Lopes T.

Unit of Dentistry, Department of Periodontology Positivo University, Curitiba, Brazil


PDF  


Sebbene i fili di sutura siano ampiamente utilizzati per la stabilizzazione dell’innesto sul letto chirurgico, essi non sono l’unica opzione durante la procedura di innesto di tessuto connettivo (connective tissue graft, CTG). Nel presente articolo riportiamo un nuovo metodo per mantenere l’innesto sopra la superficie radicolare, con l’utilizzo di una colla cianoacrilica quale adesivo chirurgico. La recessione gengivale è definita come la dislocazione apicale del margine gengivale, con conseguente esposizione della radice, sensibilità dentale e compromissione dell’aspetto estetico. La copertura della radice, che ripristina le normali caratteristiche del contorno gengivale, dipende dalle procedure chirurgiche. Il CTG è una procedura chirurgica con una buona possibilità di successo, ma richiede notevoli abilità da parte del dentista. La stabilizzazione totale dell’innesto sul letto chirurgico è necessaria per il successo della procedura. L’attuale segnalazione di un caso esamina l’utilizzo della membrana cianoacrilica che agisce come colla chirurgica (Glubran® 2), sostituendo la sutura dell’innesto nella stabilizzazione del CTG sottoepiteliale. Il difetto di recessione di classe I di Miller sul tessuto gengivale facciale dal primo molare mascellare destro è stato innestato con tessuto connettivo e stabilizzato con Glubran®2. Gli esiti suggeriscono che è possibile stabilizzare il CTG sottoepiteliale con colla chirurgica anziché suture.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail