Ricerca avanzata

Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2013 Dicembre;26(6) > Chirurgia 2013 Dicembre;26(6):443-5

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOCHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Chirurgia 2013 Dicembre;26(6):443-5

 CASI CLINICI

Sottovalutazione della lesione dell’anello pelvico tipo “open book” su un regolare lettino per la tomografia computerizzata

Aprato A., Arrigoni C., Crosio A., Massè A.

Department of Orthopedic Surgery, San Luigi Hospital University of Turin, Orbassano, Turin, Italy

Le scansioni per le fratture dell’anello pelvico tipo “open book” sono normalmente effettuate su un regolare lettino per la tomografia computerizzata (TC) e il paziente viene sdraiato su un materasso soffice di circa 5 cm di spessore. Questo materasso morbido è stato studiato al fine di dare al paziente il minimo disagio durante l’esame ma, anche se con forza di intensità minima, porta al rischio di chiudere la pelvi. Questo studia riporta due casi di sottovalutazione di lesioni dell’anello pelvico tipo “open book” durante l’esecuzione delle scansioni TC utilizzando un lettino regolare morbido. In accordo con i nostri risultati, nonostante essi siano limitati, il materasso di un lettino regolare della TC può esercitare una forza di chiusura sul lato affetto di una lesione di tipo B1. Questo effetto è più evidente in pazienti di peso maggiore. La forza di chiusura potrebbe essere un problema qualora i pazienti presentassero delle caratteristiche cliniche equivoche all’esame obiettivo. In accordo con la nostra opinione, le scansioni TC in caso di traumatismo pelvico dovrebbero essere effettuate su un lettino senza materasso.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina