Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2013 Ottobre;26(5) > Chirurgia 2013 Ottobre;26(5):341-3

ULTIMO FASCICOLOCHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2013 Ottobre;26(5):341-3

lingua: Inglese

Confronto tra legatura elastica e scleroterapia per le emorroidi sintomatiche di secondo grado: studio prospettico randomizzato

Cestaro G., De Rosa M., Mosella F., Amato B., Gentile M.

Department of General Surgery, “Federico II” University of Naples, Naples, Italy


PDF  ESTRATTI


Obiettivi. Le emorroidi interne sintomatiche costituiscono una patologia frequente e sono di solito trattate con metodiche conservative. Tra questi approcci, la legatura elastica (RBL) e l’iniezione di sostanza sclerosante (EIS) possono essere considerate i migliori trattamenti ambulatoriali. Scopo di questo studio è stato confrontare la legatura elastica con la scleroterapia in termini di efficacia e complicanze per quanto concerne il trattamento delle emorroidi interne sintomatiche.
Metodi. Settantadue pazienti adulti affetti da emorroidi interne sintomatiche sono stati distribuiti casualmente in due gruppi uguali; il primo trattato con legature elastiche, il secondo con iniezione di sostanza sclerosante (scleroterapia). Ambedue i gruppi erano comparabili per età, sesso, sintomi preoperatori ed attività lavorativa. I dati pre e postprocedure sono stati riportati ed analizzati.
Risultati. Il sanguinamento è stato riportato nell’11% (4/36) del gruppo RBL e nell’8% (3/36) dei pazienti del gruppo EIS. Dolore significativo è stato rilevato nell’11% (4/36) del gruppo RBL e nel 14% (5/36) del gruppo EIS. Il tasso di recidiva è stato osservato nel 14% (5/36) del gruppo RBL e nel 17% (6/36) del gruppo EIS. Inoltre c’è stato un caso di prostatite nel gruppo EIS.
Conclusioni. Ambedue le metodiche, legatura elastica emorroidaria e scleroterapia, sono efficaci nel trattamento delle emorroidi interne sintomatiche. Non c’è nessuna differenza statisticamente significativa tra i due gruppi studiati per quanto riguarda efficacia, recidiva di malattia, sanguinamento e dolore.

inizio pagina