Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2013 June;26(3) > Chirurgia 2013 June;26(3):241-3

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Chirurgia 2013 June;26(3):241-3

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Necrosi della mucosa dovuta ad arsenico: segnalazione di un caso insolito

Koseoglu B. G., Kahraman N.

Department of Oral Surgery, Istanbul University, Istanbul, Turkey


PDF  


L’arsenico è una sostanza di “devitalizzazione della polpa dentaria” utilizzata nella storia dell’odontoiatria quando l’anestesia non era disponibile. L’arsenico viene generalmente utilizzato in odontoiatria sotto forma del suo triossido, un composto solubile in acqua che forma l’acido arsenioso. A causa del potenziale di perdite, l’utilizzo dell’ossido di arsenico per devitalizzare la polpa è stato sempre pericoloso. Per tale motivo, dopo i progressi nell’anestesia locale, l’utilizzo di “paste devitalizzanti” con arsenico è gradualmente diminuito. L’arsenico e i suoi composti sono noti per essere estremamente tossici al contatto con i tessuti duri e molli; inoltre, l’applicazione prolungata o la perdita di triossido di arsenico possono causare gravi danni ai tessuti periodontali e all’osso alveolare. Nella presente segnalazione di un caso, un uomo di 32 anni di età si è presentato per un consulto specialistico presso il nostro ambulatorio per una lesione nella mucosa della sua guancia destra con annesso dolore. Analizzando la storia clinica del paziente, abbiamo notato che l’arsenico era stato utilizzato per la devitalizzazione della polpa nel suo primo molare mascellare destro. Abbiamo deciso di effettuare una MR del tessuto molle e di operare il paziente con il laser. Fino al giorno dell’operazione, abbiamo consigliato al paziente di effettuare risciacqui del cavo orale con bepanthene liquido due volte al giorno. A 5 giorni di follow-up, il paziente continuava a effettuare risciacqui del cavo orale e abbiamo notato che la ferita era guarita. Il paziente non ha più sperimentato dolore alla sua guancia. Pertanto, obiettivo del presente studio è stato quello di segnalare come le paste con arsenico siano ancora utilizzate in endodonzia, e di evidenziare le conseguenze potenzialmente gravi del loro utilizzo, mostrando il positivo effetto del bephanthene nella necrosi dei tessuti molli riconducibile all’arsenico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail