Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2013 Giugno;26(3) > Chirurgia 2013 Giugno;26(3):201-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2013 Giugno;26(3):201-6

lingua: Inglese

Trattamento mini-invasivo del laparocele: casistica clinica e note tecniche

D’Antonio D. 1, Bucci L. 1, Sivero L. 1, Antoniello L. 2, Bernardi C. 2, Baldon S. 2, Mazzucco C. 2, Formisano C. 1, Trevisan P. 3

1 Federico II University, Dipartimento di Chirurgia Generale, Geriatrica, Oncologica e Tecnologie Avanzate, Naples, Italy;
2 General Surgery Division, ULSS 17 Este-Monselice, Padua, Italy;
3 General Surgery Division Oncologic Center of Florence, Florence, Italy


PDF  


Obiettivo. L’esperienza riportata riguarda una serie di pazienti sottoposti a trattamento mini-invasivo del laparocele. Circa il 41% dei casi è stato trattato utilizzando solo due accessi. Lo scopo del lavoro è quello di riportare alcuni dettagli di tecnica, ricavati dall’analisi della nostra casistica.
Metodi. Nel periodo marzo 2006-luglio 2011, 132 pazienti sono stati sottoposti ad intervento chirurgico di plastica con rete della parete addominale per laparocele. L’età media dei pazienti è stat di 65.1 aa (range 27-93); classe ASA media 2.1; il Body Mass Index (BMI) mediano è stato 30.2 (range 21-38); il rapporto M/F è stato 50/82. Sono state utilizzate diverse tipologie di reti. Il follow-up è stato eseguito secondo un programma settimanale e mensile.
Risultati. L’area media del difetto è stata di 148.75 cm2 (range 38-250 cm2); l’area media della mesh è stato 413 cm2 (range 100-750). Il tempo operatorio medio è stato: 76.1 minuti (range 20-150). In 7 (5.3%) pazienti, il laparocele si è presentato in fase acuta con quadro tipico di incarceramento; in 9 casi (6.8%) si trattava di laparocele recidivo. In 54 pazienti (41%) l’intervento è stato condotto a termine con l’utilizzo di soli due trocar, in 74 (56%) sono stati utilizzati tre trocar ed in 4 pazienti 4 accessi (3%). Il tasso di conversione è stato dell’1.5% (2 pz). Nel postoperatorio sono stati riportati 4 sieromi (3%), 1 ileo postoperatorio prolungato (0.75%), 2 casi di dolore parietale severo (VAS 8-9) (1.5%), 1 occlusione ileale (0.75%). Il tempo di degenza medio è stato di 4.1 giorni (range 2-18). La mortalità perioperatoria è stata dello 0.75% (1pz) a causa di una sepsi sistemica che ha necessitato di un reintervento (0.75%). Il tasso di recidiva è stato del 2.3% (3pz). Il numero dei trocar utilizzati non ha inciso sulla morbilità postoperatoria.
Conclusioni. Il trattamento mini-invasivo del laparocele è una tecnica sicura e ripetibile, con bassa morbilità e tasso di recidiva anche con l’ausilio di soli due trocar. Allo stato attuale, quella presentata rappresenta la casistica più ampia di pazienti sottoposti a plastica laparoscopica della parete addominale. Ulteriori studi sono necessari per valutare il reale impatto sulla pratica clinica di tale modifica tecnica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail