Ricerca avanzata

Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2013 Giugno;26(3) > Chirurgia 2013 Giugno;26(3):201-6

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOCHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Chirurgia 2013 Giugno;26(3):201-6

 ARTICOLI ORIGINALI

Trattamento mini-invasivo del laparocele: casistica clinica e note tecniche

D’Antonio D. 1, Bucci L. 1, Sivero L. 1, Antoniello L. 2, Bernardi C. 2, Baldon S. 2, Mazzucco C. 2, Formisano C. 1, Trevisan P. 3

1 Federico II University, Dipartimento di Chirurgia Generale, Geriatrica, Oncologica e Tecnologie Avanzate, Naples, Italy;
2 General Surgery Division, ULSS 17 Este-Monselice, Padua, Italy;
3 General Surgery Division Oncologic Center of Florence, Florence, Italy

Obiettivo. L’esperienza riportata riguarda una serie di pazienti sottoposti a trattamento mini-invasivo del laparocele. Circa il 41% dei casi è stato trattato utilizzando solo due accessi. Lo scopo del lavoro è quello di riportare alcuni dettagli di tecnica, ricavati dall’analisi della nostra casistica.
Metodi. Nel periodo marzo 2006-luglio 2011, 132 pazienti sono stati sottoposti ad intervento chirurgico di plastica con rete della parete addominale per laparocele. L’età media dei pazienti è stat di 65.1 aa (range 27-93); classe ASA media 2.1; il Body Mass Index (BMI) mediano è stato 30.2 (range 21-38); il rapporto M/F è stato 50/82. Sono state utilizzate diverse tipologie di reti. Il follow-up è stato eseguito secondo un programma settimanale e mensile.
Risultati. L’area media del difetto è stata di 148.75 cm2 (range 38-250 cm2); l’area media della mesh è stato 413 cm2 (range 100-750). Il tempo operatorio medio è stato: 76.1 minuti (range 20-150). In 7 (5.3%) pazienti, il laparocele si è presentato in fase acuta con quadro tipico di incarceramento; in 9 casi (6.8%) si trattava di laparocele recidivo. In 54 pazienti (41%) l’intervento è stato condotto a termine con l’utilizzo di soli due trocar, in 74 (56%) sono stati utilizzati tre trocar ed in 4 pazienti 4 accessi (3%). Il tasso di conversione è stato dell’1.5% (2 pz). Nel postoperatorio sono stati riportati 4 sieromi (3%), 1 ileo postoperatorio prolungato (0.75%), 2 casi di dolore parietale severo (VAS 8-9) (1.5%), 1 occlusione ileale (0.75%). Il tempo di degenza medio è stato di 4.1 giorni (range 2-18). La mortalità perioperatoria è stata dello 0.75% (1pz) a causa di una sepsi sistemica che ha necessitato di un reintervento (0.75%). Il tasso di recidiva è stato del 2.3% (3pz). Il numero dei trocar utilizzati non ha inciso sulla morbilità postoperatoria.
Conclusioni. Il trattamento mini-invasivo del laparocele è una tecnica sicura e ripetibile, con bassa morbilità e tasso di recidiva anche con l’ausilio di soli due trocar. Allo stato attuale, quella presentata rappresenta la casistica più ampia di pazienti sottoposti a plastica laparoscopica della parete addominale. Ulteriori studi sono necessari per valutare il reale impatto sulla pratica clinica di tale modifica tecnica.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina