Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2013 April;26(2) > Chirurgia 2013 April;26(2):155-62

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Chirurgia 2013 April;26(2):155-62

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Compressione del midollo spinale e mielopatia derivanti da un osteocondroma solitario del rachide toracico: segnalazione di due casi e review della letteratura

Lv F., Ma X., Jiang J., Zhang F., Xia X., Wang L.

Department of Orthopedics, Huashan Hospital, Fudan University, Shanghai, China


PDF  


La mielopatia derivante dall’osteocondroma solitario del rachide toracico è rara e, entro i limiti della nostra conoscenza, ne sono stati riportati solo 18 casi. Sebbene rara, l’occorrenza di tale condizione grave rende necessari ulteriori studi. Pertanto, il seguente articolo evidenzia alcuni aspetti chiave di tale patologia e l’attuale stato delle conoscenze su di essa. In un caso, un ragazzo di 18 anni ha riportato un osteocondroma toracico solitario a livello dell’ottava vertebra toracica (T8) con sintomi di compressione del midollo spinale. In un altro caso, un uomo di 39 anni ha riportato sintomi simili con un tumore presente a livello della decima vertebra toracica (T10). È interessante notare come entrambi i tumori avessero avuto origine dalla faccetta articolare destra e fossero passati attraverso il forame prima della comparsa della compressione. Per l’escissione abbiamo scelto sia l’approccio posteriore sia l’approccio quello postero-laterale e i tumori sono stati rimossi completamente. La stabilità vertebrale è stata mantenuta in maniera efficace mediante una fusione solida. In seguito agli interventi chirurgici, entrambi i casi hanno mostrato un miglioramento immediato e non è stata rilevata nessuna recidiva durante il periodo di follow-up di 1 anno. La mielopatia può essere causata dall’osteocondroma solitario del rachide toracico e l’approccio chirurgico per ciascun paziente individuale deve essere differenziato.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail