Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2013 April;26(2) > Chirurgia 2013 April;26(2):137-40

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Chirurgia 2013 April;26(2):137-40

lingua: Inglese

Condiloma acuminato perianale gigante (tumore di Buschke-Lowenstein): 3 casi

Leone V., Misuri D., Giovane A., Console N., De Chiara A., Faggi U.

Department of General Surgery St. Maria Nuova Hospital, Florence, Italy


PDF  


Il condiloma acuminato gigante o tumore di Buschke-Lowenstein è una rara variante di condiloma acuminato e rappresenta una malattia potenzialmente letale. Il suo segno distintivo è la propensione elevata alla recidiva locale ed alla degenerazione maligna. Questo potenziale maligno è dimostrato dal confronto dell’incidenza di trasformazione maligna rispetto al semplice condiloma acuminato perianale: 1,8% contro il 52-55% del condiloma acuminato gigante. La terapia non è ancora standardizzata a causa della rarità di questa affezione e per l’assenza in letteratura di studi randomizzati e controllati riguardo il suo trattamento. Tradizionalmente la resezione chirurgica rappresenta il trattamento di scelta, anche se viene riportato un elevato tasso di recidiva locale. Al contrario risulta ormai dimostrato che le terapie topiche a base di podofillina, interferone, 5-fluorouracile, ecc., che risultano efficaci riguardo il trattamento dei normali condilomi acuminati danno scarsi risultati per il condiloma acuminato gigante. Vengono riportati 3 casi con carcinoma a cellule squamose invasivo insorto su condilomi acuminati giganti a sede perianale (2 maschi di 57 e 51 anni eterosessuali, ed una femmina di 45 anni con promiscuità sessuale) trattati con la sola exeresi chirurgica. Un paziente maschio ha rifiutato la terapia neoadiuvante postoperatoria e il follow-up successivo proposto. La paziente femmina ha presentato recidiva locale dopo 10 mesi per cui si è reso necessaria nuova escissione chirurgica e attualmente, dopo 14 mesi, non risultano recidive.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail