Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2013 April;26(2) > Chirurgia 2013 April;26(2):101-10

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2013 April;26(2):101-10

lingua: Inglese

Ependimomi endorachidei: serie di casi di ependimomi mixopapillari ed endomidollari

Figueiredo N. 1, 2, Brooks N. 1, Hanna A. 1, Baskaya M. K. 1, Trost G. R. 1, Resnick D. K. 1

1 UW-Madison - Department of Neurological Surgery University of Wisconsin School of Medicine and Public Health, Madison, WI, USA;
2 UFMT – Medical School, Federal University of Mato Grosso, Cuiaba, MT, Brazil


PDF  


Obiettivo. Obiettivo del presente studio è stato quello di studiare i dati concernenti l’ependimoma endorachideo (intraspinal ependymoma, ISE) di pazienti operati presso l’ospedale dell’Università del Wisconsin.
Metodi. Sono state raccolte e analizzate in maniera retrospettiva informazioni su individui consecutivi affetti da ISE, operati tra il 1998 e il 2012.
Risultati. I dati concernevano 38 pazienti, dei quali 19 affetti da ependimoma mixopapillare (myxopapillary ependymoma, MPE); la resezione radicale (gross-total resection, GTR) è stata effettuata in 14 pazienti con MPE, di cui sette con resezione radicale en bloc, tutti rimasti liberi da malattia, sette con resezione radicale graduale (piecemeal) e due casi che hanno sperimentato una recidiva del tumore. La resezione subtotale (subtotal resection, STR) è stata effettuata in due pazienti con MPE, i quali sono stati sottoposti a radioterapia e hanno vissuto con una patologia stabile. La rimozione parziale è stata effettuata in due pazienti con MPE, i quali sono stati operati nuovamente e sottoposti a radioterapia e hanno vissuto con il tumore. La biopsia è stata effettuata in un paziente con MPE. Tredici pazienti sono rimasti liberi da malattia e sei hanno sperimentato una ricomparsa del tumore, una progressione e/o una malattia stabile. Diciannove pazienti sono stati operati per ependimoma endomidollare (intramedullary ependymoma, IME); la GTR è stata effettuata in 11 pazienti con IME, dei quali quattro con GTR in blocco, sei con GTR graduale e un caso non specificato e tutti sono rimasti liberi da malattia. La resezione subtotale è stata effettuata in sei pazienti: tre hanno vissuto con una malattia stabile, due con progressione del tumore e uno è morto dopo la progressione del tumore. La rimozione parziale è stata effettuata in due pazienti, i quali sono stati sottoposti a radioterapia: uno deceduto e un altro è vissuto con un tumore stabile. Undici pazienti erano liberi da malattia e otto hanno avuto una ricomparsa del tumore, progressione e/o malattia stabile.
Conclusioni. Il presente studio ha suggerito che il minor tasso di ricorrenza si è verificato nel gruppo sottoposto a GTR, con il vantaggio aggiuntivo di una resezione radicale in blocco dell’ependimoma mixopapillare. La malattia residua non resecabile può essere controllata mediante radioterapia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail