Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2013 April;26(2) > Chirurgia 2013 April;26(2):93-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2013 April;26(2):93-6

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Sindrome di Tako-Tsubo nella lesione neurologica acuta. Una fonte problematica di insulti cerebrali secondari

Defillo A., Nussbaum E. S., Pulivarthi S., Zelensky A., Nussbaum L. A.

National Brain Aneurysm Center St. Joseph’s Hospital, St. Paul, MN, USA


PDF  


Obiettivo. La lesione del miocardio mediata da catecolamine nella sindrome di Tako-Tsubo (TS) successiva all’emorragia subaracnoidea (ESA) è stata riportata da numerosi autori come una condizione passeggera, spesso con un esito favorevole. Tuttavia, la nostra esperienza fornisce evidenze contraddittorie su tale assunto. Quando associata a una lesione neurologica grave, la disfunzione ventricolare sinistra può contribuire o condurre a insulti cerebrali secondari da ipotensione e ipossia, peggiorando così l’esito del paziente e rendendo tale complicanza extra-cranica più grave di quanto comunemente suggerito.
Metodi. Presentiamo un’analisi riassuntiva dell’emorragia subaracnoidea aneurismatica (ESAA) associata alla TS. La presente analisi include una serie di tre pazienti presentatisi nel nostro istituto con deterioramento neurologico acuto e aneurisma intracranico i quali hanno ricevuto una diagnosi di cardiomiopatia di Tako-Tsubo. Inoltre, abbiamo identificato 20 pazienti con ESAA e TS descritti nella letteratura attuale. Abbiamo confrontato entrambi i gruppi di pazienti utilizzando i punti dati disponibili per determinare la mortalità ospedaliera e l’esito neurologico a 30 giorni.
Risultati. Le segnalazioni di casi di pazienti con TS descrivono nella maggior parte dei casi una prognosi benigna per la malattia, con un tasso di complicanze molto basso. Tuttavia, calcolando la mortalità e l’esito infausto, definito come un punteggio sulla Scala di Rankin modificata (mRs) >3, all’interno di un gruppo di pazienti con ESAA e TS, abbiamo osservato un aumento sia nella mortalità sia negli esiti infausti quando l’ESA è l’evento scatenante.
Conclusioni. Sebbene abbiano pathway simili, il miocardio stordito per cause neurogene e la sindrome di Tako-Tsubo sono entità diverse. Nonostante sia stata descritta come una condizione passeggera, l’evidenza mostra invece che, quando associata a una lesione neurologica grave, la TS è associata a una presentazione clinica e a un esito più dannosi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail