Ricerca avanzata

Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2012 Dicembre;25(6) > Chirurgia 2012 Dicembre;25(6):437-9

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOCHIRURGIA

Rivista di Chirurgia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0394-9508

Online ISSN 1827-1782

 

Chirurgia 2012 Dicembre;25(6):437-9

 CASI CLINICI

Il solo trattamento medico è sufficiente nella sindrome di Paget-Schroetter?

Simsek E. 1, Teber M. A. 2, Katircioglu S. F. 1

1 Department of Cardiovascular Surgery, Etlik Ihtisas Training and Research Hospital, Ankara, Turkey;
2 Department of Radiology, Etlik Ihtisas Training and Research Hospital, Ankara, Turkey

Tale sindrome viene osservata raramente e si presenta perlopiù in giovani adulti dopo esercizi fisici estenuanti, difficili e ripetitivi. Un uomo di 43 anni di età e una donna di 46 anni di età si sono presentati presso la nostra clinica. Entrambi i soggetti non erano in grado di utilizzare attivamente le braccia a causa di un edema e di un dolore acuto agli arti superiori con strutture venose distinte alle estremità. La trombosi venosa succlavio-ascellare è stata rilevata mediante ecografia doppler venosa. In precedenza i pazienti erano stati trattati con eparina a basso peso molecolare per soli dieci giorni. Abbiamo trattato i pazienti con eparina a basso peso molecolare per 20 giorni e, in aggiunta, abbiamo applicato warfarin per mantenere l’INR tra 2 e 3. Dopo 4 mesi, il sistema venoso dei pazienti era completamente ricanalizzato. Negli arti superiori, la trombosi venosa profonda viene osservata raramente, costituendo il 10% di tutte le trombosi venose profonde. Numerosi casi si verificano dopo l’esecuzione di esercizi estenuanti e difficili. Microtraumi ripetitivi favoriscono l’insorgere della trombosi, danneggiando l’intima delle pareti venose. I sintomi iniziali sono ambigui e aspecifici; pertanto la diagnosi è spesso tardiva. Una diagnosi precoce è importante. La diagnosi tardiva e un trattamento inadeguato possono condurre a emboli polmonari sintomatici e letali. Entrambi i casi ci hanno ricordato dell’importanza di tale sindrome. Se il paziente è giovane e la diagnosi viene effettuata tempestivamente, è necessario dare maggiore importanza al trattamento chirurgico. Crediamo che l’applicazione di eparina a basso peso molecolare debba proseguire per almeno 20 giorni. La trombectomia chirurgica o l’applicazione di stent deve essere valutata esaminando le caratteristiche individuali di ogni singolo paziente. Vogliamo evidenziare l’importanza di una diagnosi precoce e di un trattamento adeguato poiché tale sindrome è potenzialmente letale.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina