Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2012 October;25(5) > Chirurgia 2012 October;25(5):379-82

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Chirurgia 2012 October;25(5):379-82

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Emorragie talamiche bilaterali simultanee negli adulti: segnalazione di un caso e review della letteratura

Ohba S. 1, 2, Nakagawa T. 2, Shimizu K. 3, Murakami H. 2

1 Department of Neurosurgery, Keio University School of Medicine, Tokyo, Japan;
2 Department of Neurosurgery, Ashikaga Red Cross Hospital, Ashikaga, Tochigi, Japan;
3 Department of Pathology, Ashikaga Red Cross Hospital, Ashikaga, Tochigi, Japan


PDF  


Una donna di 78 anni di età è stata ricoverata nel nostro pronto soccorso con un disturbo della coscienza. La tomografia computerizzata ha rivelato un’emorragia talamica bilaterale estendentesi fino al ventricolo laterale e un idrocefalo acuto. Abbiamo effettuato un intervento chirurgico d’urgenza con endoscopio al fine di rimuovere gli ematomi al talamo destro e ventricolare e abbiamo collocato un drenaggio ventricolare esterno. Il campione ottenuto dall’intervento ha rivelato che l’emorragia era stata causata dall’angiopatia amiloide. Il decorso postoperatorio è stato privo di problemi e non è stato necessario un ulteriore intervento per l’idrocefalo. Le emorragie talamiche bilaterali simultanee sono state segnalate molto di rado e solamente 15 casi si sono verificati in pazienti adulti (incluso il nostro caso) e sono stati segnalati nella letteratura inglese. I pazienti sono perlopiù uomini (10 uomini e 5 donne) con età tra i 39 e gli 80 anni (età media: 60,8 anni). I sintomi più frequenti sono il disturbo della coscienza e la tetraparesi, seguite da emiparesi e afasia. L’ipertensione è la principale causa di tale malattia (46,7%). Un buon recupero e una moderata invalidità sono stati segnalati in 5 casi (33,3%), mentre un’invalidità grave o la progressione verso uno stato vegetativo sono stati riportati in 6 casi (40,0%) e il decesso si è verificato in 4 casi (26,7%).

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail