Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2012 October;25(5) > Chirurgia 2012 October;25(5):359-62

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Chirurgia 2012 October;25(5):359-62

lingua: Inglese

Dıstruzıone della costa e della vertebra toracıca: cosa se non cancro?

Alar T. 1, Kosar S. 2, Degirmenci Y. 3, Alkan B. 4, Cosar M. 4

1 Department of Thoracic Surgery, Çanakkale Onsekiz Mart University, Faculty of Medicine, Çanakkale, Turkey;
2 Department of Radiology, Çanakkale Onsekiz Mart University, Faculty of Medicine, Çanakkale, Turkey;
3 Department of Neurology, Çanakkale Onsekiz Mart University, Faculty of Medicine, Çanakkale, Turkey;
4 Department of Neurosurgery, Çanakkale Onsekiz Mart University, Faculty of Medicine, Çanakkale, Turkey


PDF  


Una donna di 18 anni di età è stata ricoverata nel nostro ospedale lamentando segni di affaticamento negli ultimi 4-5 mesi, associati a intorpidimento e debolezza in entrambi gli arti inferiori nell’ultimo mese. L’esame neurologico ha rivelato ipoestesia nell’arto inferiore destro, paraparesi bilaterale degli arti inferiori, riflesso tendineo profondo (DTR) iperattivo e segno di Babinski bilaterale positivo. Gli esami radiologici hanno mostrato lesioni cistiche multiple settate, la più grande delle quali misurava 36x28 mm, distruggenti la 3ª costola prossimale assieme al corpo della 3ª vertebra toracica, estendendosi al più basso livello della 7ª vertebra cervicale nella regione subdurale e comprimendo il midollo spinale. La paziente è stata operata d’urgenza e le lesioni cistiche descritte sono state rimosse senza essere rotte, assieme alla corpectomia alla vertebra T3 e alla resezione parziale della terza costola. La fusione transpedicolare posteriore è stata effettuata agli spazi T2-6. Non vi sono state complicanze perioperatorie né postoperatorie. L’esame istopatologico del materiale ha rivelato una “cisti idatidea”. Il trattamento di follow-up della paziente è consistito di 10 mg/kg di albendazolo. I follow-up postoperatori a 1, 2 e 3 mesi hanno rivelato test di funzionalità nella norma e nessun deficit motorio o riflesso patologico oltre all’iperattività del DTR.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail