Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2012 August;25(4) > Chirurgia 2012 August;25(4):321-4

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Chirurgia 2012 August;25(4):321-4

lingua: Inglese

Miotomia esofagea estesa roboticamente: un nuovo approccio mininvasivo per il trattamento delle leiomiomatosi esofagee

Garagozlo K., Meyer M., Gharagozloo F., Tempesta B., Margolis M., Strother E.

Washington Institute of Thoracic and Cardiovascular Surgery The George Washington University Medical Center, Washington, DC


PDF  


La leiomiomatosi esofagea è un raro disturbo che comporta la diffusa proliferazione della muscolatura liscia dell’esofago conducendo alla dismotilità. Attualmente, il trattamento chirurgico standard di tale disturbo consiste nell’esofagectomia con ricostruzione. La miotomia esofagea lunga è stata proposta quale alternativa all’esofagectomia, la quale è gravata da un’elevata morbilità. Tuttavia, la miotomia esofagea lunga è stata ostacolata dall’insufficiente attenuazione della disfagia, dalla perforazione esofagea e dalla formazione di fistole. Finora non sono stati segnalati approcci mininvasivi. Presentiamo il caso di un paziente con leiomiomatosi esofagea sottoposto a esofagomiotomia lunga toracoscopica destra mediante chirurgia robotica, senza complicanze e con il completo sollievo della disfagia immediatamente dopo l’intervento chirurgico. Il sollievo sintomatico è persistito a 12 mesi di follow-up. L’approccio chirurgico è stato reso possibile dai vantaggi della tecnologia robotica, ovvero dall’elevata risoluzione della visualizzazione tridimensionale e dalla precisa manovrabilità degli strumenti in uno spazio ristretto. Tale tecnica presenta un nuovo paradigma per il trattamento chirurgico mininvasivo di pazienti con leiomiomatosi esofagea.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail