Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2012 June;25(3) > Chirurgia 2012 June;25(3):209-12

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Chirurgia 2012 June;25(3):209-12

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Mucocele dell’appendice

Pierro A. 1, Ciuffreda M. 1, Maselli G. 1, Cacaci S. 2, Pacelli F. 3, Sallustio G. 1

1 Radiology Department, “John Paul II” Center for High Technology Research and Education in Biomedical Sciences, Sacro Cuore Catholic University, Campobasso, Italy;
2 Department of Bioimaging and Radiological Sciences, “A.Gemelli” Hospital, Catholic University, Rome, Italy;
3 Surgery Department, “John Paul II” Center for High Technology Research and Education in Biomedical Sciences, Catholic University of Sacred Heart, Campobasso, Italy


PDF  


Caso di una donna di 49 anni con una storia di cancro della cervice uterina, trattata chirurgicamente, che dopo due anni di follow-up, ha presentato incontinenza urinaria da sforzo. La risonanza magnetica eseguita ha mostrato la presenza di una massa cistica nella pelvi a destra, sospetta per linfocele. Gli esami successivi hanno dimostrato un aumento del volume della massa e la risonanza magnetica effettuata 5 anni dopo ha evidenziato una connessione inaspettata tra la massa e il cieco, pertanto, è stato posto il sospetto di mucocele dell’appendice vermiforme. A causa del rischio di rottura con possibile sviluppo di pseudomixoma peritoneale e considerando anche in questo caso le sue caratteristiche morfologiche sospette, la paziente è stata sottoposta ad un intervento di chirurgia laparotomica. La diagnosi finale istopatologica è stata di tumore mucinoso appendicolare di basso grado. A causa del sospetto iniziale di linfocele e del normale processo di follow-up del paziente, siamo stati in grado di reperire e rivalutare gli esami precedenti, quindi è stato possibile ricostruire a posteriori il tasso di crescita della massa nel corso del tempo attraverso gli esami di risonanza magnetica. Il nostro caso è il primo, per quanto in nostra conoscenza, ove è possibile documentare il tasso di crescita per l’anno e durante sei anni di un cystadenoma dell’appendice. Inoltre, il nostro caso descrive lo sviluppo nel follow-up immediato di un mucocele dell’appendice, in un paziente trattato per il cancro del collo dell’utero.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail