Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2012 June;25(3) > Chirurgia 2012 June;25(3):165-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2012 June;25(3):165-7

lingua: Inglese

L’escissione è indicata per la cancerizzazione associata a papilloma intraduttale della mammella

Li H.-T. 1, Li S.-J. 2, Li C.-G. 3

1 Department of Surgery, Tianjin TEDA Hospital, Tianjin, China;
2 Pharmaceutical Preparation Section, Tianjin First Center Hospital, Tianjin, China;
3 Department of Surgery, Tangshan Chinese Medical Science Hospital, Tangshan, China


PDF  


Obiettivo. Sebbene vi sia consenso sul fatto che la cancerizzazione associata a papilloma intraduttale della mammella richieda l’escissione chirurgica, la portata dell’escissione rimane controversa. Il presente studio ha valutato i risultati dell’escissione presso questa istituzione.
Metodi. Utilizzando cartelle cliniche computerizzate dal gennaio 2000 al dicembre 2004, sono stati identificati 63 casi di cancerizzazione associata a papilloma intraduttale della mammella. Tutti i campioni sono stati passati in rassegna per desumere il metodo d’intervento più efficace.
Risultati. L’età dei pazienti andava dai 25 ai 75 anni (media 53,5). Le gestioni erano le seguenti: dei 63 casi, 2 pazienti sono stati trattati con mastectomia parziale, 12 pazienti sono stati sottoposti a mastectomia parziale e asportazione del linfonodo ascellare; 20 pazienti sono stati sottoposti a mastectomia totale e asportazione del linfonodo ascellare; 23 pazienti sono stati sottoposti a mastectomia radicale modificata (I tecnica, secondo Auchincloss); 5 pazienti sono stati sottoposti a mastectomia radicale modificata (II tecnica, secondo Patey); 1 paziente è stato sottoposto a mastectomia radicale (secondo Halsted). Sulla base del referto patologico postoperatorio, in 43 casi è stata infine diagnosticata una cancerizzazione associata a papilloma intraduttale (carcinoma in situ), mentre in 20 casi è stata diagnosticata una cancerizzazione associata a papilloma intraduttale con invasione iniziale. Tutti i margini di escissione erano negativi e non erano coinvolti nodi ascellari.
Conclusioni. I nostri risultati hanno suggerito che, per quanto concerne la cancerizzazione associata a papilloma intraduttale, essa deve essere gestita mediante mastectomia parziale, incluso il condotto patologico e/o il nodulo, non essendo sempre necessaria l’asportazione del linfonodo ascellare.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail