Ricerca avanzata

Home > Riviste > Chirurgia > Archivio > Chirurgia 2012 Febbraio;25(1) > Chirurgia 2012 Febbraio;25(1):51-3

ULTIMO FASCICOLO   ARCHIVIO   EPUB AHEAD OF PRINT   I PIÙ LETTI


CHIRURGIA

Chirurgia 2012 Febbraio;25(1):51-3

 

    CASI CLINICI

La tecnica del silo mediante sacca per infusione per un aneurisma addominale rotto

Tamaki M., Tomita S., Kato T., Okawa Y.

Department of Cardiovascular Surgery, Gifu Heart Center, Gifu, Japan

A un uomo di 64 anni è stato diagnosticato un aneurisma dell’aorta addominale rotto. Quando abbiamo chiuso l’addome, ci siamo preoccupati della sindrome compartimentale addominale dovuta all’intestino gonfio. Abbiamo utilizzato una sacca di plastica da 2 litri sterilizzata in autoclave per creare un “silo”. Il fondo è stato tagliato e suturato con Vicryl 2-0 alla parete addominale. L’area circostante è stata avvolta con un telo per prevenire perdite. Dopo il ritorno all’unità di terapia intensiva, il silo è stato sollevato dai pali laterali del letto con corde di plastica. La pressione intravescicale è stata monitorata a intervalli regolari. La pressione era stabile intorno ai 10 mmHg ed è diminuita gradualmente giorno per giorno. Abbiamo chiuso la parete addominale 5 giorni dopo l’operazione. Il paziente ha compiuto un progresso soddisfacente dopo la seconda operazione ed è stato dimesso 37 giorni dopo la prima operazione. La tecnica del silo è stata utilizzata per problemi addominali congeniti e offre numerosi benefici come il fatto che le sacche da infusione sono economiche e facili da preparare. Le linee di sutura coperte da teli sono a tenuta stagna per non perdere l’ascite, traducendosi in un controllo del volume intravascolare. Il tasso di infezione è basso, grazie al fatto che lo spazio del silo è chiuso. Riportiamo per la prima volta il trattamento di un aneurisma dell’aorta addominale rotto con la tecnica del silo.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina