Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2011 December;24(6) > Chirurgia 2011 December;24(6):353-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Chirurgia 2011 December;24(6):353-6

lingua: Inglese

Chirurgia 5-ALA guidata in associazione al posizionamento di wafer di carmustina e il regime di Stupp (radioterapia e temozolomide) nel trattamento del glioblastoma multiforme

De’Santi M. S. 1, Genovese M. 1, Amoroso E. 1, Manto A. 2, Piucci B. 3

1 Neurosurgery Unit “Umberto I” Hospital, Nocera Inferiore, Salerno, Italy
2 Neuroradiology Unit “Umberto I” Hospital, Nocera Inferiore, Salerno, Italy
3 Hospital Service of Pharmacology, “Umberto I” Hospital, Nocera Inferiore, Salerno, Italy


PDF  


È stata analizzata la sopravvivenza di 10 pazienti affetti da glioblastoma multiforme trattati con chirurgia 5-acido-aminolevulinico (5-ALA), con il posizionamento di wafer di Carmustina, e radioterapia con temozolomide concomitante e adiuvante. L’exeresi del tumore era guidata da 5-ALA, marcatore tumorale fluorescente, per facilitare la resezione e migliorare i risultati. I wafer di carmustina sono stati posizionati nella cavità tumorale al momento dell’intervento chirurgico, e i pazienti sono stati successivamente sottoposti a radioterapia e temozolomide. Il tempo mediano di progressione era 13 mesi (range: 12-20), e la sopravvivenza globale mediana di 21 mesi (16-30). La combinazione di regimi differenti potrebbe rappresentare un’efficace opzione terapeutica nei pazienti affetti da glioblastoma multiforme, che generalmente hanno una prognosi sfavorevole.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail