Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2011 August;24(4) > Chirurgia 2011 August;24(4):237-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Chirurgia 2011 August;24(4):237-9

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Trattamento endovascolare di pseudoaneurisma traumatico posteriore dell’arteria tibiale

Montisci R. 1, Sanfilippo R. 1, Serra F. 1, Saba L. 2, Pirisi R. 3

1 Operative Unit of Vascular and Thoracic Surgery, Department of Surgery, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Cagliari, Cagliari, Italy 2 Department of Imaging, University Hospital of Cagliari, Cagliari, Italy 3 Department of Cardiology, University Hospital of Cagliari, Cagliari, Italy


PDF  


Scopo dello studio era valutare l’efficacia dell’approccio endovascolare nel trattamento di lesioni arteriose traumatiche. Un uomo di 49 anni si presentò alla nostra osservazione con una massa pulsante nel polpaccio destro. Un esame eco-color-Doppler dimostrò una lesione della parete dell’arteria tibiale posteriore con formazione di pseudoaneurisma. Il rischio di lesione del nervo tibiale associato al trattamento chirurgico fu considerato troppo elevato e pertanto si decise per un approccio endovascolare. Uno stent ricoperto fu posizionato a livello della breccia nella parete arteriosa sì da ottenere la completa esclusione della sacca aneurismatica. Il trattamento endovascolare con stent ricoperto sembra efficace nelle lesioni arteriose traumatiche ma la valutazione della pervietà a distanza necessita di follow-up più lunghi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail