Ricerca avanzata

Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2011 Agosto;24(4) > Chirurgia 2011 Agosto;24(4):215-7

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOCHIRURGIA

Rivista di Chirurgia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0394-9508

Online ISSN 1827-1782

 

Chirurgia 2011 Agosto;24(4):215-7

 CASI CLINICI

Infarto segmentario del piccolo omento e addome acuto

Bohlmann I., De Lorenzi D.

Department of Surgery and Orthopedics, Kantonales Spital Grabs, Grabs, Switzerland

L’infarto segmentario del piccolo omento è una causa estremamente rara di addome acuto e viene spesso misconosciuto nella diagnosi differenziale. La sintomatologia è molto varia, la localizzazione del dolore per lo più fa porre il sospetto clinico di appendicite o colecistite. Pertanto, la diagnosi preoperatoria può essere difficile, sebbene recentemente la tomografia computerizzata e l’ecografia addominale vengano sempre più utilizzate per prevenire interventi chirurgici inutili. Gli Autori presentano un caso di focale infarto del tessuto adiposo del piccolo omento in una donna di 65 anni. La donna era stata ricoverata per dolore addominale tipo colico ingravescente a livello dell’ipocondrio destro, accompagnato da nausea e da dolore da rimbalzo. L’ecografia aveva posto il sospetto diagnostico di colecistite, in assenza di altri reperti patologici. Durante la successiva colecistectomia laparoscopica, era stata riscontrata la presenta di area necrotica del piccolo omento, che è stata asportata. Nel periodo postoperatorio, il decorso è stato regolare e la paziente è stata dimessa dopo quattro giorni. Con il miglioramento delle tecniche di imaging, la terapia conservativa trova sempre più spazio in ambito clinico. I pazienti con diagnosi di torsione dell’omento non complicata possono essere trattati con successo in maniera conservativa. Tuttavia, il diffuso impiego della tomografia computerizzata dei pazienti giovani e la maggior facilità diagnostica di questa condizione patologica sono tuttora ancora controversi. Nella maggior parte dei casi, l’asportazione chirurgica rimane il trattamento di scelta.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina