Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2011 Giugno;24(3) > Chirurgia 2011 Giugno;24(3):163-4

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Chirurgia 2011 Giugno;24(3):163-4

lingua: Inglese

Un caso di omotrapianto aortico durato 28 anni

Cortina R. 1, Segovia E. 1, Llosa J. C. 2

1 Cardiology Department, Hospital General de Cabueñes, Oviedo University, Gijon, Spain
2 Cardiac Surgery Department, Hospital Universitario Central de Asturias, Oviedo University, Oviedo, Spain


PDF  


Gli allotrapianti offrono numerosi vantaggi rispetto alle valvole protesiche, ma la durata dell’allotrapianto varia considerevolmente. Il tasso di libertà da complicanze a 10 e 20 anni erano i seguenti: endocardite 93% e 89%; difetto primitivo dei tessuti 62% e 18%. A tal riguardo vi sono numerose pubblicazioni. Anche le valvole omologhe offrono dei vantaggi, tra cui la sicurezza di una successiva sostituzione dell’omotrapianto, come pubblicato in Letteratura. Gli autori riportano un caso di allotrapianto che è durato 28 anni. In conclusione, a nostra conoscenza, questo è uno degli allotrapianti aortici più duraturi senza complicanze.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail