Ricerca avanzata

Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2011 Giugno;24(3) > Chirurgia 2011 Giugno;24(3):125-31

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOCHIRURGIA

Rivista di Chirurgia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0394-9508

Online ISSN 1827-1782

 

Chirurgia 2011 Giugno;24(3):125-31

 ARTICOLI ORIGINALI

Livelli di picco della proteina C reattiva e mortalità a lungo termine in una popolazione chirurgica mista in ICU: studio analitico-osservazionale retrospettivo

Grander W. 1, Luckner G. 2, Torgersen C. 3, Schmittinger C. A. 3, Rex C. 4, Dünser M. W. 3

1 Department of Internal Medicine, Academic Teaching Hospital Hall in Tirol, Hall in Tirol, Austria
2 Department of Anaesthesiolog and Critical Care Medicine, Innsbruck Medical University, Innsbruck, Austria
3 Department of Intensive Care Medicine, Inselspital, Bern, Switzerland
4 Department of Anesthesiology and Critical Care Medicine, Kreiskliniken Reutlingen, Reutlingen, Germany

Obiettivo. L’attivazione immunitaria cronica è associata a elevati tassi di morbilità e mortalità. L’intervento chirurgico rappresenta uno stimolatore massivo non infettivo del sistema immunitario, come confermato dagli elevati livelli plasmatici di Proteina C reattiva (PCR). In questo studio analitico-osservazionale, viene studiata l’associazione tra i livelli di picco postoperatori plasmatici della PCR e la mortalità a lungo termine in una popolazione chirurgica mista in unità di terapia intensiva (ICU).
Metodi. Durante un periodo di 3,5 anni, sono stati analizzati i pazienti ricoverati in ICU entro 48 ore da un intervento di chirurgia maggiore. Sono stati analizzati i dati demografici, clinici, laboratoristici come i livelli di picco postoperatori plasmatici della PCR. La mortalità a lungo termine è stata valutata dopo un periodo di follow-up mediano di 5,9 anni (IQR, 4,9-6,6 anni). È stata condotta un’analisi multivariata secondo Cox per valutare l’associazione tra il picco postoperatorio della PCR e la mortalità a lungo termine.
Risultati. Dei 1023 pazienti inclusi, 355 (34,7%) sono morti durante il periodo di osservazione. I pazienti non sopravvissuti avevano un picco postoperatorio di PCR maggiore rispetto ai sopravvissuti a lungo termine (224 [115-297] vs. 180 [66-263], P<0,001). Nel modello di Cox, i livelli plasmatici massimi di PCR (mg/L) non erano associati alla mortalità a lungo termine (HR, 1 [0,999-1,001]; P=0,44). Sebbene I livelli di picco postoperatori della PCR (mg/L) fossero associati alla mortalità a lungo termine nei pazienti sottoposti a intervento di chirurgia cardiovascolare (HR, 1,002 [1-1,004]; P=0,02), tale associazione non è stata osservata nei pazienti sottoposti ad intervento chirurgico non-cardiovascolare (HR, 1 [0,999-1,001]; P=0,91).
Conclusioni. Il livello plasmatico di picco postoperatorio della PCR non sembrerebbe essere associato con i risultati a lungo termine in una popolazione chirurgica mista in ICU. Tuttavia, l’intensità della risposta infiammatoria postoperatoria, misurata con i livelli di PCR,potrebbe essere associata in maniera indipendente con i risultati a lungo termine nei pazienti gravemente ammalati e sottoposti ad intervento di chirurgia cardiovascolare.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina