Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2011 Aprile;24(2) > Chirurgia 2011 Aprile;24(2):107-10

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Chirurgia 2011 Aprile;24(2):107-10

lingua: Inglese

Un lipoma parostale voluminoso localizzato nella coscia

Pompili G., Tarico M. S., Scrimali L., Scilletta A., Tamburino S., Curreri S. W., Soma P. F., Perotta R.

Department of Plastic Surgery, University of Catania/Cannizzaro Hospital, Catania, Italy


PDF  


I lipomi sono le lesioni più comuni dei tessuti molli ma sono tra le più rare neoplasie scheletriche, rappresentando meno dello 0,1% dei tumori ossei primari. Il lipoma parostale è un raro tumore benigno del tessuto adiposo maturo contiguo con il sottostante periostio e rappresenta lo 0,3% di tutti i lipomi. Le localizzazioni più comuni del lipoma parostale sono le metafisi e le diafisi delle ossa lunghe, come la parte prossimale del radio, del femore, della tibia e dell’omero, ma la distribuzione anatomica complessiva è molto ampia. Colpisce quasi esclusivamente adulti oltre i 40 anni, di entrambi i sessi. La prognosi è eccellente, non avendo alcun potenziale metastatico, e raramente recidiva. Questo studio riporta il caso di un uomo anziano (72 anni) che presentava una grossa massa nella parte anteriore della coscia destra. Il paziente lamentava perdita di sensibilità, affaticabilità alla deambulazione ed all’ortostatismo, in assenza di pregressi traumi e segni sistemici. La MR rivelava un lipoma parostale con ampio ancoraggio osseo, che misurava 29,5 x 11,6 x 8,5 cm, e che sostituiva l’intero muscolo vasto. In anestesia spinale, incidendo lungo il bordo laterale del muscolo sartorio, si divaricavano le fibre residue del muscolo vasto, esponendo tumore. Il lipoma era asportato disinserendo il suo ampio ancoraggio periosteo. La massa pesava 1 300 g. Dopo l’intervento chirurgico l’affaticabilità scompariva immediatamente, mentre l’ipoestesia si risolveva dopo tre mesi. Il paziente tornava alla piena attività senza alcun ulteriore trattamento adiuvante e le sue condizioni sono ancora buone.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail