Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2010 December;23(6) > Chirurgia 2010 December;23(6):231-4

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2010 December;23(6):231-4

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Risultati provvisori di un nuovo innesto in olicarbonato/uretano eparinizzato per “accesso vascolare”: un trial prospettico

Gyedu A., Koksoy C., Hazinedaroglu S. M., Tulga Ulus A., Yerdel M. A.

1 Ankara University Medical School, Department of Surgery, Ankara, Turkey 2 Yuksek Ihtisas Hospital, Department of Cardiovascular Surgery, Ankara, Turkey


PDF  


Obiettivo. Il numero di pazienti che necessita di emodialisi è in aumento anno dopo anno. Lo scopo del presente studio è stato quello di valutare le prestazioni cliniche per di un innesto in policarbonato/uretano (polycarbonate/urethane graf, PUG) eparinizzato per l’accesso per l’emodialisi.
Metodi. Tra maggio 1999 e dicembre 2002, 52 PUG eparinizzati sono stati impiantati in 49 pazienti che erano stati precedentemente sottoposti ad almeno un accesso arterovenoso (arteriovenous, AV) non andato a buon fine. Venti innesti erano stati posizionati nella porzione superiore del braccio, 16 nella coscia, 15 nella parete toracica anteriore, ed 1 nell’avambraccio. L’accuratezza è stata determinata attraverso un’analisi di Kaplan-Meier analysis, ed il modello dei rischi proporzionali alla Cox è stato utilizzato per l’analisi multivariata dei fattori predittivi di effetto.
Risultati. Il periodo medio di follow-up è stato di 1295 giorni. La percentuale di accuratezza primaria e secondaria di un anno erano del 45% e del 73% rispettivamente. Per il recupero di innesti occlusi, sono state effettuate 25 trombectomie in 17 pazienti ed una terapia fibrinolitica efficace. Durante la trombectomia, sono state revisionate 7 anastomosi venose in 6 pazienti. Gli innesti sono stati punti entro 24 ore dall’impianto in 3 pazienti privi di complicazioni.
Conclusioni. I risultati ottenuti con il presente studio sembrano indicare che i PUG eparinizzati costituiscano una scelta sicura ed efficace per l’accesso vascolare con percentuali accettabili di accuratezza e di infezione, e che essi possano essere particolarmente indicati per quei pazienti che necessitano di un accesso precoce.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail