Ricerca avanzata

Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2010 Ottobre;23(5) > Chirurgia 2010 Ottobre;23(5):173-7

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOCHIRURGIA

Rivista di Chirurgia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0394-9508

Online ISSN 1827-1782

 

Chirurgia 2010 Ottobre;23(5):173-7

 ARTICOLI ORIGINALI

Mixomi cardiaci: 11 anni di esperienze in 33 pazienti

Hashemzadeh KH. 1, Hashemzadeh SH. 2

1 Department of Cardiovascular Surgery, Cardiovascular Research Center, Shahid Madani Hospital, Tabriz University of Medical Sciences, Iran
2 Department of General and Thoracic Surgery, Tabriz University of Medical Sciences, Iran

Scopo. Il mixoma cardiaco rappresenta il più comune tumore cardiaco benigno. Lo scopo del presente lavoro è quello di revisionare l’esperienza di 11 anni del nostro centro in materia di mixoma intracardiaco.
Metodi. Tra marzo 1997 e marzo 2009, 33 pazienti (16 uomini e 17 donne) di età compresa tra 11 e 81 anni (età media 47 anni) sono stati operati di mixoma cardiaco. Il tumore era localizzato nell’atrio sinistro in 28 pazienti (84.8%), nell’atrio destroy in 2 pazienti (6.1%) e nel ventricolo sinistro in 1 paziente (3%). Il tempo medio di intercorrenza tra la comparsa dei sintomi e la diagnosi è stato di 6 mesi. I sintomi più frequentemente osservati erano associati ad ostruzione della valvola mitralica. Tre pazienti erano stati sottoposti ad un concomitante bypass coronario e 4 avevano subito una sostituzione od una riparazione della valvola mitralica.
Risultati. È stato registrato un decesso precoce (3%) a causa di un’embolizzazione cerebrale postoperatoria. La durata media del follow-up è stata di 56.4±38.8 mesi. Non si sono verificati decessi tardivi. Non è stata osservata alcuna ricorrenza di mixoma cardiaco durante il follow-up; 27 pazienti (90%) sono in classe funzionale I di NYHA e 3 pazienti (10%) sono in classe II. Il follow-up è stato completato nel 93.9% dei pazienti. La sopravvivenza attuariale è stata del 90.9%.
Conclusioni. Ad oggi, la diagnosi di mixoma cardiaco è semplice da effettuare e l’ecocardiografia bidimensionale svolge un ruolo fondamentale in questo campo, così un alto indici di sospetto clinico risulta importante per una diagnosi precoce e l’asportazione chirurgica del mixoma intracardiaco è curativa con un basso tasso di mortalità ed un buon esito a lungo termine.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina