Ricerca avanzata

Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2010 Ottobre;23(5) > Chirurgia 2010 Ottobre;23(5):155-9

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOCHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Chirurgia 2010 Ottobre;23(5):155-9

 ARTICOLI ORIGINALI

Trial prospettico randomizzato per valutare la qualità della vita dopo gastrectomia prossimale per tumore gastrico: interposizione della tasca digiunale versus ricostruzione doppio -tratto

Ikeguchi M., Kuroda H., Matsunaga T., Saito H., Tatebe S.

Department of Surgery, Division of Surgical Oncology, Faculty of Medicine, Tottori University, Yonago, Japan

Obiettivo. La gastrectomia prossimale (PG - Proximal Gastrectomy) è stata introdotta per i pazienti affetti da tumore gastrico precoce a livello del terzo superiore dello stomaco, per conservare la funzione pilorica dello stomaco residuo. Sono stati confrontati due metodi di ricostruzione, l’interposizione digiunale (JPI) ed il metodo del doppio-tratto (DT).
Metodi. Tra il 2005 ed il 2007 è stato realizzato uno studio prospettico randomizzato che ha coinvolto 18 pazienti sottoposti a JPI (n = 9) oppure a ricostruzione di DT (n = 9). I pazienti sono stati seguiti fino alla fine del 2009. Sono state confrontate la valutazione soggettiva globale, la valutazione dei dati oggettivi e i risultati dell’endoscopia sulle stomaco rimanente.
Risultati. La durata dell’operazione, il numero di linfonodi asportati e la durata della degenza post-operatoria erano simili in entrambi I gruppi. Nel gruppo DT è stato riscontrato frequentemente un disturbo dell’ingestione di cibo. Due anni dopo l’operazione chirurgica, i pazienti hanno recuperato il peso corporeo meglio dopo la ricostruzione JPI che dopo la DT. La conta dei linfociti circolanti è rimasta bassa nel gruppo DT anche dopo due anni dall’intervento, al contrario del gruppo JPI in cui la conta leucocitaria è ritornata a livelli normali dopo 6 mesi ed ha continuato ad aumentare. L’endoscopia ha mostrato un’incidenza di esofagite e gastrite post-operatoria simile nei due gruppi. Tuttavia, erano spesso osservabili residui di cibo nella tasca diguinale nei pazienti del gruppo JPI (8/9, 88.9%).
Conclusioni. La JPI è una tecnica sicura ed è associate ad un miglior stato nutrizionale, se confrontato con la ricostruzione DT.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina