Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2010 October;23(5) > Chirurgia 2010 October;23(5):155-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2010 October;23(5):155-9

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Trial prospettico randomizzato per valutare la qualità della vita dopo gastrectomia prossimale per tumore gastrico: interposizione della tasca digiunale versus ricostruzione doppio -tratto

Ikeguchi M., Kuroda H., Matsunaga T., Saito H., Tatebe S.

Department of Surgery, Division of Surgical Oncology, Faculty of Medicine, Tottori University, Yonago, Japan


PDF  


Obiettivo. La gastrectomia prossimale (PG - Proximal Gastrectomy) è stata introdotta per i pazienti affetti da tumore gastrico precoce a livello del terzo superiore dello stomaco, per conservare la funzione pilorica dello stomaco residuo. Sono stati confrontati due metodi di ricostruzione, l’interposizione digiunale (JPI) ed il metodo del doppio-tratto (DT).
Metodi. Tra il 2005 ed il 2007 è stato realizzato uno studio prospettico randomizzato che ha coinvolto 18 pazienti sottoposti a JPI (n = 9) oppure a ricostruzione di DT (n = 9). I pazienti sono stati seguiti fino alla fine del 2009. Sono state confrontate la valutazione soggettiva globale, la valutazione dei dati oggettivi e i risultati dell’endoscopia sulle stomaco rimanente.
Risultati. La durata dell’operazione, il numero di linfonodi asportati e la durata della degenza post-operatoria erano simili in entrambi I gruppi. Nel gruppo DT è stato riscontrato frequentemente un disturbo dell’ingestione di cibo. Due anni dopo l’operazione chirurgica, i pazienti hanno recuperato il peso corporeo meglio dopo la ricostruzione JPI che dopo la DT. La conta dei linfociti circolanti è rimasta bassa nel gruppo DT anche dopo due anni dall’intervento, al contrario del gruppo JPI in cui la conta leucocitaria è ritornata a livelli normali dopo 6 mesi ed ha continuato ad aumentare. L’endoscopia ha mostrato un’incidenza di esofagite e gastrite post-operatoria simile nei due gruppi. Tuttavia, erano spesso osservabili residui di cibo nella tasca diguinale nei pazienti del gruppo JPI (8/9, 88.9%).
Conclusioni. La JPI è una tecnica sicura ed è associate ad un miglior stato nutrizionale, se confrontato con la ricostruzione DT.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail