Ricerca avanzata

Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2010 Ottobre;23(5) > Chirurgia 2010 Ottobre;23(5):151-4

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOCHIRURGIA

Rivista di Chirurgia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0394-9508

Online ISSN 1827-1782

 

Chirurgia 2010 Ottobre;23(5):151-4

 ARTICOLI ORIGINALI

Il cancro gastrico nella popolazione anziana:differenze clinico-patologiche ed orientamento terapeutico

Guida F., Coppola Bottazzi E., Antonino A., Formisano G., Conte P., Avallone U.

Dipartimento di Chirurgia Generale, Geriatrica ed Endoscopia Diagnostica e Operativa, Università degli Studi di Napoli “Federico II” Napoli, Italia

Obiettivo. Lo scopo dello studio è di verificare se nell’ambito della patologia gastrica neoplastica esistono differenze clinico - patologiche nella popolazione anziana (≥ 70 anni) tali da influenzare l’orientamento diagnostico-terapeutico, la mortalità e la morbidità perioperatoria.
Metodi. Lo studio include tutti i pazienti sottoposti a gastrectomia per adenocarcinoma dal Gennaio 1998 al Dicembre 2002 presso il Dipartimento di Chirurgia Generale del policlinico universitario “Federico II” di Napoli. I pazienti sono stati suddivisi in due gruppi in base all’età: è stato considerato come cut-off l’età di 70 anni.
Risultati. Sono stati reclutati 57 pazienti affetti da neoplasia gastrica: 41 pazienti avevano un’età inferiore ai 70 anni (range 37-70) e 16 pazienti un’età ≥70 anni (range 70-80). Nella popolazione ≥70 anni la neoplasia gastrica è risultata nettamente più frequente negli individui di sesso maschile con un rapporto M/F=2,2. Nella popolazione <70 anni è maggiore una localizzazione al corpo gastrico (46,3% vs. 18,7%); al contrario nella popolazione ≥70 aumenta la quota di neoplasie antrali (62,6% vs. 39,1%).Inoltre in pazienti < 70 anni è maggiore il ricorso alla GT (63,4% vs 38%); ≥70 aumenta invece il ricorso alla GST (62% vs. 36,6%). I pazienti anziani presentano un maggiore tasso di comorbidità (81% vs. 58,5%), ma la mortalità neoplasia-correlata è simile tra i due gruppi (61 vs. 62%). Nei pazienti con età ≥ 70 anni è più frequente il cancro gastrico con istotipo diffuso sec. Lauren (44,8% vs. 34,2%) ed è maggiore il tasso di ripresa neoplastica (56,2% vs. 44%). Differente risulta ,inoltre, il pattern di ripresa neoplastica: <70 è maggiore il tasso di ripresa loco regionale (27% vs. 12,5%); ≥ 70 anni è maggiore il tasso di ripresa peritoneale (25% vs. 2%) e a distanza (18,7% vs. 15%).
Conclusioni. La neoplasia gastrica presenta nella popolazione ≥70 anni: maggiore interesse del sesso maschile, più frequente localizzazione antrale, maggior tasso di ripresa neoplastica (soprattutto a livello peritoneale o epatico/polmonare).Inoltre il paziente anziano presenta spesso due o più comorbidità ed è soggetto a polifarmacoterapia. Per tali motivi, l’approccio chirurgico deve essere modulato sulla base del profilo individuale di rischio: l’età di per sé non è una controindicazione ad un intervento “curativo” in quanto il tasso di mortalià tumore-correlata è simile nei pazienti al di sopra e al di sotto dei 70 anni. Nonostante ciò, il paziente anziano presenta spesso una ridotta riserva funzionale e pertanto la gastrectomia subtotale risulta spesso l’approccio chirurgico più indicato, soprattutto in virtù della maggior incidenza di neoplasie antrali e della miglior qualità di vita legata alla presenza di stomaco residuo.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina