Ricerca avanzata

Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2010 April;23(2) > Chirurgia 2010 Aprile;23(2):49-53

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOCHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Chirurgia 2010 Aprile;23(2):49-53

 CASI CLINICI

Trattamento chirurgico dell’idatidosi splenica: caso clinico

Gelmini R., Cabry F., Pavesi E., Franzoni C., Saviano M.

Department of General Surgery, University of Modena and Reggio Emilia, Modena, Italy

La malattia idatidea è un’infezione zoonotica causata dall’ Echinococcus granulosus e raramente dal multilocularis, che colpisce più frequentemente il fegato, meno frequentemente il polmone e occasionalmente altri organi. In questo articolo, viene presentano un caso presentatosi presso il nostro Istituto, per valutare il trattamento chirurgico dell’idatidosi splenica e per illustrare l’utilità di diverse nuove tecniche. Il solo coinvolgimento splenico è un evento raro, anche nei paesi in cui vi è l’endemia.Il trattamento dell’idatidosi consiste nell’intervento chirurgico, sia conservativo che radicale, associato ad un trattamento perioperatorio con farmaci antielmintici. Esistono diverse opzioni terapeutiche per la localizzazione splenica, come l’aspirtazione percutanea, iniezione e riaspirazione (PAIR), l’enucleazione della cisti e la splenectomia parziale; e interventi radicali come la splenectomia totale. La splenectomia rimane tuttora, come è stato in passato, il trattamento di scelta della patologia a causa dei bassi tassi di mortalità, di recidiva e di complicanze emorragiche. L’approccio laparoscopico deve essere riservato a casi ben selezionati: piccole ciste senza aderenze con altri organi.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina