Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2010 April;23(2) > Chirurgia 2010 April;23(2):25-30

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2010 April;23(2):25-30

lingua: Inglese

Analisi con microscopia elettronica a scansione di superfici dopo apicetomia con frese e lasers

Gerhardt De Oliveira M. 1, Rockenbach Binz M. C. 1, Wehmeyer Fregapani P. 1, Da Cunha Filho J. J. 2, Puricelli E. 2

1 School of Dentistry, Pontifícia Universidade Católica do Rio Grande do Sul, PUCRS. Porto Alegre, RS, Brazil;
2 School of Dentistry, Universidade Federal do Rio Grande, do Sul, UFRGS. Porto Alegre, RS, Brazil


PDF  


Obiettivo. L’obiettivo di questo studio era di valutare gli effetti dei laser Er:YAG e Nd:YAG sulla morfologia del cemento-dentina nell’apice della radice di 80 denti umani permanenti a singola radice. I cambiamenti morfologici prodotti utilizzando la tecnica di Puricelli per l’apicectomia sono stati confrontati con quelli secondari a tecniche che utilizzano in combinazione e indipendentemente i laser Er:YAG e Nd:YAG.
Metodi. Abbiamo analizzato con la microscopia elettronica a scansione (SEM) i denti permanenti umani a singola radice, suddivisi in 4 gruppi. Sono stati valutati i seguenti gruppi: Gruppo I: Er:YAG; Gruppo II: Er:YAG + Nd:YAG; Gruppo III: tecnica di Puricelli e Gruppo IV: tecnica di Puricelli + Nd:YAG. Le superfici resecate delle estremità apicali sono state esaminante alla ricerca di crateri, irregolarità, aree carbonizzate, frammenti, smear layer, aree di fusione, recristallizzazione e sigillatura di tubuli dentinali. Quindi, sono stati assegnati ai campioni dei punteggi in base alla levigatezza e ruvidezza. Le immagini dei campioni utilizzando la SEM hanno confermato che Er:YAG ottiene l’ablazione del tessuto ed è in grado di rimuovere lo smear layer prodotto, quando i denti sono tagliati con frese, senza carbonizzazione.
Risultati. I risultati di questo studio in vitro hanno dimostrato che la tecnica di Puricelli, che prevede l’utilizzo di una sequenza di frese per l’apicectomia, produce delle superfici più lisce e più regolari ed omogenee.
Conclusioni. La tecnica di Puricelli ha riportato I risultati migliori rispetto alle alter tecniche impiegate in questo studio.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail