Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2010 February;23(1) > Chirurgia 2010 February;23(1):1-3

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2010 February;23(1):1-3

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Effetto dell’angioplastica renale sulla pressione arteriosa e sulla funzionalità renale: esperienza di un singolo centro

Dalio M. B. 1, Bredarioli M. 1, Muglia V. F. 2, Joviliano E. E. 3, Piccinato C. E. 4

1 Division of Vascular and Endovascular Surgery, Department of Surgery and Anatomy, Faculdade de Medicina de Ribeirão Preto Universidade de São Paulo (FMRP-USP), Ribeirão Preto, SP, Brazil 2 Radiology, Department of Internal Medicine, FMRP-USP, Ribeirão Preto, SP, Brazil 3 Division of Vascular and Endovascular Surgery, Department of Surgery and Anatomy, FMRP-USP, Ribeirão Preto, SP, Brazil 4 Division of Vascular and Endovascular Surgery, Department of Surgery and Anatomy, FMRP-USP, Ribeirão Preto, SP, Brazil


PDF  


Obiettivo. L’obiettivo di questo studio era di valutare l’effetto della sola angioplastica renale e dell’angioplastica renale associata a stent sul controllo della pressione arteriosa e sul mantenimento della funzionalità renale.
Metodi. Abbiamo effettuato una revisione retrospettiva di pazienti sottoposti ad angioplastica renale presso il nostro ospedale terziario nel periodo di tempo compreso tra il 1997 e il 2007. I valori ambulatoriali della pressione arteriosa sistolica (PAS), della pressione arteriosa diastolica (PAD), del numero di farmaci anti-ipertensivi utilizzati (NM) e della creatininemia sono stati registrati 2, 6, 12, e 18 mesi prima e dopo la procedura. I risultati sul controllo della pressione arteriosa sono stati determinati confrontando i valori medi della PAS, della PAD e di NM prima dell’angioplastica e durante il follow-up. I risultati sulla funzionalità renale sono stati determinati monitorizzando lo slope dell’inverso della creatinina nel tempo utilizzando l’analisi breakpoint.
Risultati. La PAS, la PAD, e gli NM non hanno mostrato variazioni significative tra i valori prima dell’angioplastica e quelli durante il follow-up. Nessun paziente era considerato guarito. Per i pazienti con insufficienza renale cronica basale (creatininemia sierica >1,5 mg/dl), lo slope dell’inverso della creatinina medio si è ridotto da -0,0089 mg/dL/mese a -0,0015 mg/dL/mese, con p<0,05.
Conclusioni. Nei pazienti affetti da stenosi aterosclerotica dell’arteria renale, la sola angioplastica o l’angioplastica associata a stent non ha apportato benefici sul controllo della pressione arteriosa, tuttavia quando viene effettuata in pazienti con insufficienza renale cronica, essa può rallentare la riduzione di funzionalità renale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail