Ricerca avanzata

Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2008 Dicembre;21(6) > Chirurgia 2008 Dicembre;21(6):331-6

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOCHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Chirurgia 2008 Dicembre;21(6):331-6

 REVIEW

Mediastinite discendente di tipo II: review della letteratura scientifica

Baikoussis N. G., Beis J. P., Siminelakis S. N.

Department of Cardio-Thoracic Surgery University Hospital, School of Medicine, Ioannina, Greece

Gli autori si sono posti come obiettivo lo studio della mediastinite discendente e la review della letteratura scientifica internazionale. La mediastinite è un’infiammazione del tessuto connettivo che coinvolge le strutture mediastiniche. Quando la condizione ha un’eziologia infettiva, con focus localizzati nella regione cervicale o orale, essa viene denominata “mediastinite discendente” (descending mediastinitis: DM). Vi sono tre tragitti principali lungo le fasce attraverso i quali le infezioni cervicali o orali possono raggiungere il mediastino: quello pretracheale, quello laterofaringeo e quello retrofaringeo. Il tasso di mortalità è pari a circa il 50%. A seconda dell’estensione dell’infezione, valutata attraverso la tomografia computerizzata, la DM può essere classificata come focale (tipo I) o diffusa (tipo II). Essa può essere secondaria a cause infettive o non infettive e, a seconda dell’eziologia, può essere acuta o cronica. Nella sua forma acuta la DM è una condizione che pone in pericolo la vita del paziente se non diagnosticata precocemente o se trattata in modo inadeguato. Le manifestazioni cliniche sono aspecifiche e ricordano altre infezioni sistemiche o condizioni settiche. Il trattamento di scelta della DM consiste nella terapia antibiotica e nel drenaggio chirurgico. Dal momento che la DM è una condizione potenzialmente letale se non trattata tempestivamente, essa deve sempre essere considerata un’emergenza medica. Il decorso dipende dalla gravità dell’infezione e dalla patologia sottostante del paziente, oltre che dalle possibili comorbidità. Le cause di morte sono molte, andando dallo shock settico e dall’insufficienza respiratoria alle emorragie gastrointestinali. Il fattore più importante per migliorare il decorso clinico, e il tipo di gestione che il personale sanitario deve mettere in atto, è rappresentato dal riconoscimento precoce della patologia e dal trattamento più aggressivo disponibile.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina