Ricerca avanzata

Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2008 Ottobre;21(5) > Chirurgia 2008 Ottobre;21(5):299-302

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOCHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Chirurgia 2008 Ottobre;21(5):299-302

 CASI CLINICI

Una cisti splenica epiteliale, vera, non parassitica, producente un’alta concentrazione sierica di CA 19-9

Bini A., Brandolini J., Cassanelli N., Davoli F., Dolci G., Sellitri F., Stella F.

Department of General and Thoracic Surgery S. Orsola-Malpighi Hospital, University of Bologna, Bologna, Italy

Le cisti spleniche, entità molto rare, appaiono solitamente come una massa del quadrante addominale superiore sinistro di un paziente con o senza rilievo anamnestico di trauma addominale. La classificazione in uso prevede la distinzione tra cisti primarie o “vere”, se è presente un rivestimento cellulare della parete cistica, e secondarie o “false”, se questo è assente. Sono stati descritti numerosi casi di cisti spleniche vere con elevati livelli di CA19-9; esporremo di seguito il caso di una cisti splenica di 6 cm di diametro responsabile di un importante aumento dei valori plasmatici del CA19-9 in una donna di 29 anni; l’esame istologico successivo ha rilevato trattarsi di una cisti splenica vera. Una cisti splenica vera singola si rileva raramente; ed è altrettanto raro, inoltre, che questa causi elevati valori sierici di CA19-9, come descritto in precedenza.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina