Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2008 June;21(3) > Chirurgia 2008 June;21(3):143-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2008 June;21(3):143-7

lingua: Inglese

Capezzolo invertito: la nostra esperienza

Agostini T., Agostini V.

Department of Plastic and Reconstructive University of Florence Faculty of Medicine and Surgery, Florence, Italy


PDF  


Obiettivo. Un capezzolo invertito può avere implicazioni sia funzionali che estetiche; molte sono le procedure che sono state descritte per creare una normale configurazione anatomica del capezzolo retratto. Il capezzolo invertito, che viene definito come un capezzolo localizzato su un piano inferiore rispetto a quello dell’areola, presenta problemi sia funzionali che estetici. Sono state proposte diverse procedure chirurgiche. Per correggere il capezzolo invertito, gli Autori adottano un metodo semplice che prevede l’utilizzo di 2 lembi areolari dermici triangolari. Nel capezzolo invertito di grado 2 ogni triangolo è inferiore di circa 1 mm rispetto al diametro del capezzolo e i lembi areolari dermici disepitelizzati vengono collegati allo sbocco dei fasci dei dotti lattiferi.
Metodi. Dall’agosto 2004 al dicembre 2005 sono state trattate 11 pazienti (per un totale di 16 capezzoli). Cinque pazienti avevano entrambi i capezzoli invertiti. L’età delle pazienti al momento dell’intervento variava tra 18 e 31 anni (età media: 27 anni). Tutti i capezzoli invertiti erano congeniti e non vi erano stati interventi chirurgici precedenti. Tredici capezzoli erano di grado 2 e tre di grado 3 secondo la classificazione del capezzolo invertito secondo Han e Hong.
Risultati. Il follow-up medio è stato di 27 mesi (range: 24-30 mesi). Non vi sono state complicanze correlate all’intervento chirurgico. Le cicatrici residue sono state minime.
Conclusioni. Gli Autori concludono che la loro procedura è affidabile, preserva i dotti lattiferi nei capezzoli invertiti di grado 2, non richiede un’assistenza particolare postintervento e non comporta recidive postoperatorie. La tecnica può essere applicata a qualsiasi tipo di capezzolo invertito quale procedura chirurgica primaria con risultati a lungo termine.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail