Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2008 Aprile;21(2) > Chirurgia 2008 Aprile;21(2):63-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2008 Aprile;21(2):63-5

lingua: Italiano

Il carcinoma spinocellulare: considerazioni clinico-epidemiologiche e follow-up in 171 casi operati presso l’ospedale di Novara

Choc I., Boriani F., Carlucci S., Bocchiotti M. A.

Istituto di Chirurgia Plastica Università di Torino, Torino, Italia


PDF  


Obiettivo. Il carcinoma spinocellulare è un tumore maligno dell’epidermide che riproduce l’aspetto delle cellule cheratinizzanti. Rappresenta per frequenza il secondo tumore delle neoplasie maligne cutanee. I fattori predisponenti comprendono fototipo chiaro, esposizione ai raggi UV, alle radiazioni ionizzanti e a svariate sostanze chimiche, ustioni, cicatrici, ulcerazioni, genodermatosi.
Metodi. L’analisi retrospettiva delle cartelle cliniche di 171 pazienti, operati per carcinoma spinocellulare presso la Clinica Dermatologica dell’Ospedale di Novara dal 1998 al 2004, ha preso in considerazione i seguenti parametri: età e sesso dei pazienti, sede, tipo istologico e grado di malignità del tumore, tipo di exeresi, trattamenti alternativi (radioterapia e chemioterapia), esecuzione di controlli, metastasi linfonodali o d’organo, recidive, lesioni precancerose, esiti cicatriziali o sensoriali, pazienti deceduti per la patologia specifica o per altre cause.
Risultati. Il carcinoma spinocellulare è un tumore tipico della popolazione anziana (età media 74 anni), soprattutto di sesso maschile (67%), con localizzazione preferenziale alle zone fotoesposte del corpo (regione fronto-parieto-temporale nel 16,9% dei casi), preceduto nel 17,5% dei casi da cheratosi attinica. Si presenta all’esame istologico moderatamente differenziato (G2) nel 55% dei casi. Le metastasi linfonodali sono risultate l’1,1% e le recidive il 7,6%.
Conclusioni. Si evincono la necessità di un’exeresi completa e il ricorso alla chirurgia micrografica di Mohs, soprattutto in caso di recidiva. Fondamentali sono prevenzione e diagnosi precoce, facilmente attuabili in un tumore che risulta nella maggior parte dei casi correlato all’esposizione solare.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail