Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2008 April;21(2) > Chirurgia 2008 April;21(2):57-61

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2008 April;21(2):57-61

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Posizionamento di stent e concomitante rivascolarizzazione infrainguinale nella malattia occlusiva iliaca complessa: studio retrospettivo e follow-up in 22 casi

Raouf A. A., Rouleau Y., Clement A., Le Roux P., Genay P., Le Paul Y.

Department of Vascular Surgery, CHD Les Oudairies 85925 La Roche sur Yon, France


PDF  


Obiettivo. Valutare i risultati dell’angioplastica e posizionamento di stent nel trattamento della malattia occlusiva aorto-iliaca complessa.
Metodi. Studio retrospettivo di pazienti sintomatici affetti da lesioni occlusive dell’arteria iliaca. Tutti i pazienti sono stati sottoposti a color doppler pre- e postoperatorio e ad arteriografia preoperatoria.
Risultati. Ventidue pazienti sono stati sottoposti ad angioplastica con posizionamento di stent in 22 arterie iliache. Diciassette pazienti (77.3%) erano stati trattati per claudicatio e 5 pazienti (22.7%) per ischemia cronica degli arti. Le lesioni erano state classificate secondo la classificazione TASC come tipo B in 2 pazienti, tipo C e D in 20 pazienti. In tutti i casi, era stata trattata l’arteria iliaca esterna. In 9 casi, le lesioni coinvolgevano anche l’arteria iliaca comune. Il tasso cumulativo di pervietà primaria per l’intera coorte è stato del 95.5% a un mese e del 75.5% a 3 anni. La pervietà primaria assistita è stata del 95.5% a un mese e 90.4% a 3 anni. Nei 13 pazienti con lesioni confinate alla sola arteria iliaca esterna, la pervietà primaria a 3 anni è stata del 74.6%. La pervietà primaria cumulativa a 3 anni è stata del 90.9% negli 11 arti che hanno beneficiato dell’endoarteriectomia della biforcazione femorale versus 62.3% in quelli senza endoarteriectomia.
Conclusioni. La ricostruzione dell’arteria iliaca con stent endovascolare è meno invasiva del trattamento chirurgico convenzionale a cielo aperto e comporta risultati sovrapponibili.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail