Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2008 Febbraio;21(1) > Chirurgia 2008 Febbraio;21(1):25-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Chirurgia 2008 Febbraio;21(1):25-7

lingua: Inglese

Precoce trombosi dello stent dopo trattamento di rottura dell’arteria coronaria destra con posizionamento di stent

Arslan B. 1, Kayhan B. 1, Cantürk E. 1, Gençbay M. 2

1 TDV 29 May›s Hospital Cardiovascular Surgery Department, Fatih, ‹stanbul, Turkey
2 TDV 29 May›s Hospital, Cardiology Department Fatih, Istanbul, Turkey


PDF  


Presentiamo il caso di una donna di 42 anni ricoverata per angina pectoris instabile. La coronarografia effettuata in elezione aveva diagnosticato una malattia dell’arteria coronaria destra. La stenosi critica a livello della porzione media dell’arteria coronaria destra era stata trattata con uno stent.
Dopo il posizionamento e insufflazione del palloncino per la seconda volta ad alta pressione per risolvere la stenosi residua, si era verificata la rottura della coronaria, con passaggio di mezzo di contrasto nel pericardio. Il posizionamento di uno stent aveva trattato con successo la rottura e la pericardiocentesi aveva risolto il tamponamento cardiaco.
Sfortunatamente, lo stent si era trombizzato dopo15 giorni. L’angioplastica primaria con palloncino e il posizionamento di un nuovo stent a livello della dissezione distale hanno garantito la pervietà del vaso. L’impiego degli stents è molto importante nel trattamento della rottura coronarica ma essi non sono privi di complicanze a breve e a lungo termine.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail