Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2007 Dicembre;20(6) > Chirurgia 2007 Dicembre;20(6):299-305

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2007 Dicembre;20(6):299-305

lingua: Inglese

Le emorragie cerebrali. Esperienza su di un campione di 170 pazienti, in emergenza

Russo A.

Pronto Soccorso Chirurgico Presidio Ospedaliero Leopoldo Parodi Delfino ASL ROMA G, Roma


PDF  


Le emorragie cerebrali, traumatiche e non, rappresentano un terreno di confronto impegnativo, sebbene non frequente, nella pratica clinica. La necessità di un approccio tempestivo, che impedisca l’instaurarsi di danni neurologici irreversibili, impone il ricorso a metodiche di indagine strumentali, principalmente radiologiche, che compensino le difficoltà dell’inquadramento clinico, spesso fuorviato dal sospetto di un’etiologia ischemica, nella patologia atraumatica.
Mentre il trattamento delle lesioni ictali compete alle branche internistiche, la chirurgia rappresenta il provvedimento risolutivo degli insulti emorragici, nonostante sia a sua volta gravata da sequele funzionali più o meno pesanti e da un discreto indice di mortalità. Vengono qui presentate le caratteristiche anatomocliniche, l’iter diagnostico ed il decorso di un campione di 170 pazienti, di età compresa fra i 9 ed i 97 anni, non trascurando un accenno anche alle problematiche di carattere pratico, connesse al trasferimento di suddetti ammalati presso il DEA di riferimento.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail