Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2007 Aprile;20(2) > Chirurgia 2007 Aprile;20(2):73-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2007 Aprile;20(2):73-6

lingua: Inglese

Infusione intrapleurica di urochinasi nei bambini

Markou A., Drakou A., Zisopoulou S., Koutrogianni V.

Clinica di Chirurgia Pediatrica Ospedale Generale di Larisa, Grecia


PDF  


Obiettivo. La raccolta di liquido essudativo oppure purulento alla cavità pleurica, è una comune complicazione della polmonite microbica nei bambini. L’infusione intrapleurica di urochinasi può provocare la soluzione e come conseguenza aumentare il drenaggio del liquido che era incastrato oppure molto denso per essere allontanato dai tubi di drenaggio.
Metodi. Negli ultimi 4 anni sono stati riccoverati alla nostra Clinica 8 pazienti con raccolta pleurica di liquido essudativo o purulento che è stata affrontata con infusione intrapleurica di urochinasi. I bambini sono stati trattati con antibiotici e posizionamento di un drenaggio pleurico “chiuso”. Siccome la raccolta pleurica densa persisteva, abbiamo somministrato dal tubo di drenaggio, 100.000 UI urochinasi per giorno, aggiunta in 20 cc di soluzione NaCl 0,9%.
Risultati. In tutti i casi abbiamo osservato un miglioramento significativo sia del quadro clinico che dell’immagine radiologica del paziente. Il follow-up va da 6 mesi a 4 anni e tutti i pazienti stanno in buone condizioni fisiche senza ricadute oppure complicazioni.
Conclusioni. L’infusione intrapleurica di urochinasi ai bambini è un metodo sicuro ed efficace per ottenere il drenaggio delle raccolte pleuriche. Le gravi complicanze non sono frequenti. Il trattamento è più efficace durante gli primi fasi della storia evolutiva della patologia. Può anche diminuire la necessità di ricorrere all’intervento chirurgico e il tempo di ricovero dei piccoli pazienti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail