Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2006 December;19(6) > Chirurgia 2006 December;19(6):417-20

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2006 December;19(6):417-20

lingua: Inglese

Screening con ecografia color-doppler per la prevenzione della trombosi venosa in 40 pazienti con cancro sottoposti ad impianto di un dispositivo port-a-cath

Sarzo G.1 , Finco C. 1, Luongo B. 1, Savastano S. 1, Vecchiato M. 1, Degregori S. 1, Caruso V. 1, Avruscio G. 2, Ceccato F. 2, Cartei G. 3, Merigliano S. 1

1 Department of Medical and Surgical Sciences 3rd General Surgery Clinic Coloproctology Unit “S. Antonio” Hospital, University of Padua, Padua, Italy
2 Day Hospital and Angiology Service “S. Antonio” Hospital, Padua, Padua, Italy
3 Unit of Medical Oncology Veneto Oncological Institute Busonera Hospital, Padua, Italy


PDF  


Obiettivo. L’obiettivo di questo studio prospettico è quello di valutare l’efficacia dell’ecografia color-doppler per la prevenzione della trombosi venosa in 40 pazienti con cancro portatori di un dispositivo port-a-cath.
Metodi. Abbiamo selezionato due gruppi di pazienti con cancro portatori di un dispositivo port-a-cath: il gruppo 1 era costituito da 20 pazienti sottoposti a screening dei vasi del collo con ecografia color-doppler eseguita nel periodo pre-operatorio e ogni 15 giorni sino a raggiungere il terzo mese dall’impianto del dispositivo. Il gruppo 2 era costituito da 20 pazienti sottoposti a screening con ecografia color-doppler nel periodo pre-operatorio e a distanza di 30, 60 e 90 giorni dopo l’impianto del dispositivo.
Risultati. L’incidenza di trombosi venosa profonda è stata pari al 2,5%. Nel gruppo 2 non si sono osservati casi di trombosi venosa. Nel gruppo 1 si è avuto 1 caso di trombosi venosa asintomatica a distanza di 15 giorni dall’impianto del dispositivo. Il paziente è stato trattato con eparina a basso peso molecolare e si è completamente rivascolarizzato.
Conclusioni. La trombosi venosa, nei pazienti portatori di catetere venoso centrale, è sempre un fenomeno progressivo ma lento. L’incidenza nel primo mese successivo al posizionamento del catetere è alta e sono particolarmente critiche le prime tre settimane. Lo screening bisettimanale con l’ecografia color-doppler nei primi 3 mesi dall’impianto rappresenta un utile strumento per l’identificazione precoce delle trombosi venose e può consentirne un trattamento tempestivo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail