Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2006 October;19(5) > Chirurgia 2006 October;19(5):387-90

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Chirurgia 2006 October;19(5):387-90

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Problematiche diagnostiche in un caso di emorragia digestiva da GIST. Caso clinico

Caronia V., Baraglia E., Battistioli M., Bonotto G., Pozzobon M., Gualandi O., Marchese M., Fabi F.

Unità Operativa di Chirurgia Generale, Treviso Presidio Ospedaliero di Oderzo Regione del Veneto, Azienda ULSS n. 9, Treviso


PDF  


I tumori stromali gastrointestinali (GIST) sono rare neoplasie derivanti dale cellule interstiziali di Cajal, e sono frequenti nel piccolo intestino. Spesso i sintomi non sono specifici e la diagnosi è comunemente fatta dal chirurgo al tavolo operatorio.
Gli autori riportano il caso di un ricorrente sanguinamento gastrointestinale con notevoli difficoltà diagnostiche con le normali metodiche endoscopiche. Discutono quindi i metodi più comuni di indagine: l’endoscopia tradizionale, la TC con e senza mezzo di contrasto radiologico, l’angiografia, giungendo quindi a comparare le metodiche di endoscopia ”avanzata” quali la videocapsula e l’enteroscopia a doppio pallone, concludendo che queste ultime, benché altamente specifiche e promettenti, non danno la sicurezza diagnostica, che rimane ancor oggi legata al chirurgo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail