Ricerca avanzata

Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2006 Agosto;19(4) > Chirurgia 2006 Agosto;19(4):319-23

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOCHIRURGIA

Rivista di Chirurgia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0394-9508

Online ISSN 1827-1782

 

Chirurgia 2006 Agosto;19(4):319-23

 CASI CLINICI

L’igroma subdurale post-traumatico: complicanza rara e di difficile riconoscimento

Russo A.

Unità Operativa Pronto Soccorso Chirurgico Ospedale “Leopoldo Parodi Delfino”, A.S.L. ROMA G, Roma

L’igroma subdurale è una sequela infrequente dei traumi cranici, dalla sintomatologia ingannevole. La prolungata latenza clinica, la fascia prevalentemente geriatrica dei pazienti, spesso già affetti da deterioramento neurologico progressivo di altra origine, (malattie demielinizzanti, insulti ischemici, processi arteriosclerotici), che inquina i segni derivanti dalla presenza della massa, il carattere fluttuante della stessa sindrome, suscettibile di remissioni e di riaccensioni, contribuiscono all’insidiosità della diagnosi. Spesso slatentizzata da concussioni anche di lieve entità, attraverso il risanguinamento dell’ematoma subdurale cronico, di cui l’igroma è spesso satellite, la patologia trova nell’evacuazione chirurgica la sua unica risoluzione. L’alto rischio della tipologia degli ammalati restringe tuttavia quasi al 50% la quota di quanti risultino eligibili per tale trattamento.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina