Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2006 June;19(3) > Chirurgia 2006 June;19(3):193-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2006 June;19(3):193-9

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Coinvolgimento coronarico acuto dovuto a dissezione aortica di Tipo A

Lin C. C., Lee C. S., Chen Y. F., Pan P. C., Chen H. M., Hsieh C. C., Huang J. W., Yon H. W., Hwang Y. S.

Division of Cardiology, and Cardiovascular Surgery and School of Public Health Kaohsiung Medical University Hospital, Kaohsiung, Taiwan


PDF  


Obiettivo. I dati pubblicati sul coinvolgimento coronarico acuto dovuto a dissezione aortica acuta di Tipo A sono scarsi. Scopo di questo studio è stato quello di valutare la nostra esperienza su un gruppo selezionato di 7 pazienti con coinvolgimento coronarico acuto dovuto a dissezione aortica acuta di Tipo A. Tale esperienza deriva da un periodo di osservazione di 7 anni nei quali abbiamo avuto 50 casi consecutivi di dissezione aortica acuta di Tipo A.
Metodi. Tra il 1997 e il 2004, 7 pazienti (14,0%) su un totale di 50 sono stati sottoposti ad intervento chirurgico per coinvolgimento coronarico acuto dovuto a dissezione aortica acuta di Tipo A. Essi comprendevano 5 maschi e 2 femmine, con età compresa tra 36 e 59 anni (età media: 48,1±7,5 anni). L’arteria coronaria destra era coinvolta in 5 pazienti, quella sinistra negli altri 2. Due pazienti hanno avuto nel periodo preoperatorio un infarto miocardio acuto a causa della malperfusione coronarica e altri 3 pazienti, sempre nel periodo pre.operatorio, hanno evidenziato mioischemia. Due pazienti, sebbene fosse presente coinvolgimento coronarico acuto, non hanno evidenziato ischemia miocardia nel periodo preoperatorio.
Risultati. Il tasso di mortalità ospedaliera è stato del 28,6% (2 pazienti su 7). I meccanismi alla base del coinvolgimento coronarico acuto erano rappresentati dalla compressione (2 pazienti), dalla rottura dell’intima dell’ostio (1 paziente) e dal distacco totale dell’ostio coronarico (4 pazienti). Dopo un follow-up medio di 50,6±16,8 mesi, i tassi di sopravvivenza secondo il metodo attuariale erano pari al 71,43±2,78% a 1 anno e a 4 anni.
Conclusioni. Il coinvolgimento coronarico acuto dovuto a dissezione aortica acuta di Tipo A non necessariamente comporta una malperfusione coronarica. Tuttavia, l’immediata ricostruzione aortica e l’immediata rivascolarizzazione coronarica sono obbligatorie per migliorare la sopravvivenza di questa complessa coorte di pazienti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail