Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2006 June;19(3) > Chirurgia 2006 June;19(3):193-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2006 June;19(3):193-9

lingua: Inglese

Coinvolgimento coronarico acuto dovuto a dissezione aortica di Tipo A

Lin C.-C., Lee C.-S., Chen Y.-F., Pan P.-C., Chen H.-M., Hsieh C.-C., Huang J.-W., Yon H.-W., Hwang Y.- S.

Division of Cardiology, and Cardiovascular Surgery and School of Public Health Kaohsiung Medical University Hospital, Kaohsiung, Taiwan


PDF  


Obiettivo. I dati pubblicati sul coinvolgimento coronarico acuto dovuto a dissezione aortica acuta di Tipo A sono scarsi. Scopo di questo studio è stato quello di valutare la nostra esperienza su un gruppo selezionato di 7 pazienti con coinvolgimento coronarico acuto dovuto a dissezione aortica acuta di Tipo A. Tale esperienza deriva da un periodo di osservazione di 7 anni nei quali abbiamo avuto 50 casi consecutivi di dissezione aortica acuta di Tipo A.
Metodi. Tra il 1997 e il 2004, 7 pazienti (14,0%) su un totale di 50 sono stati sottoposti ad intervento chirurgico per coinvolgimento coronarico acuto dovuto a dissezione aortica acuta di Tipo A. Essi comprendevano 5 maschi e 2 femmine, con età compresa tra 36 e 59 anni (età media: 48,1±7,5 anni). L’arteria coronaria destra era coinvolta in 5 pazienti, quella sinistra negli altri 2. Due pazienti hanno avuto nel periodo preoperatorio un infarto miocardio acuto a causa della malperfusione coronarica e altri 3 pazienti, sempre nel periodo pre.operatorio, hanno evidenziato mioischemia. Due pazienti, sebbene fosse presente coinvolgimento coronarico acuto, non hanno evidenziato ischemia miocardia nel periodo preoperatorio.
Risultati. Il tasso di mortalità ospedaliera è stato del 28,6% (2 pazienti su 7). I meccanismi alla base del coinvolgimento coronarico acuto erano rappresentati dalla compressione (2 pazienti), dalla rottura dell’intima dell’ostio (1 paziente) e dal distacco totale dell’ostio coronarico (4 pazienti). Dopo un follow-up medio di 50,6±16,8 mesi, i tassi di sopravvivenza secondo il metodo attuariale erano pari al 71,43±2,78% a 1 anno e a 4 anni.
Conclusioni. Il coinvolgimento coronarico acuto dovuto a dissezione aortica acuta di Tipo A non necessariamente comporta una malperfusione coronarica. Tuttavia, l’immediata ricostruzione aortica e l’immediata rivascolarizzazione coronarica sono obbligatorie per migliorare la sopravvivenza di questa complessa coorte di pazienti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail