Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2006 April;19(2) > Chirurgia 2006 April;19(2):141-3

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2006 April;19(2):141-3

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Pericardiectomia per pericardite cronica ostruttiva

Al-Shammari F. 1, Ayed A. 1, 2, Jamal-Eddine H. 1, Al-Ruwaih A. 1

1 Department of Cardiothoracic Surgery Chest Diseases Hospital Faculty of Medicine, Kuwait University, Kuwait 2 Department of Surgery Faculty of Medicine, Kuwait University, Kuwait


PDF  


Obiettivo. Scopo dello studio è descrivere la tecnica chirurgica e risultati della pericardiectomia nei casi di pericardite cronica costrittiva.
Metodi. È stato condotto uno studio retrospettivo su 17 pazienti con pericardite cronica costrittiva in un ospedale di cura terziaria del Kuwait. È stata eseguita la pericardiectomia usando l’approccio di sternotomia o di toracotomia antero-laterale. Sono state analizzate le cause di pericardite, le complicanze postoperatoria, la mortalità, i miglioramenti nei sintomi e il follow up.
Risultati. Le cause di pericardite sono state in 10 pazienti tubercolosi, in 3 pazienti idiomatiche, in 2 pazienti traumatica, neoplastica e piogena in un caso ciascuna.
Sono state eseguite 17 pericardiectomie in un periodo di 10 anni usando sia l’approccio toracotomico (9 casi) che sternotomico (8 casi). Non c’è stata mortalità operatoria. Un paziente ha necessitato di un bypass cardiopolmonare per presenza di aderenze importanti e sanguinamento.
6 pazienti (35%) hanno sviluppato complicazioni precoci postoperatorie; nella maggior parte dei casi bassa portata cardiaca. Nel primo mese postoperatorio la capacità funzionale è migliorata: nella classe NYHA IV da 6 pazienti (preoperatori) a 0; nella classe NYHA III da 11 a 3; nella classe NYHA II da 0 a 6; nella classe NYHA I da 0 a 8.
Conclusioni. La tubercolosi rimane nei paesi sviluppati la causa più comune di pericardite cronica costrittiva. La pericardiectomia chirurgica risulta essere l’unica opzione terapeutica per migliorare la sopravvivenza e ridurre i sintomi dei pazienti affetti da questa patologia. La mortalità e la morbilità di questa patologia è diminuita negli ultimi 20 anni.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail