Ricerca avanzata

Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2006 Aprile;19(2) > Chirurgia 2006 Aprile;19(2):111-3

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOCHIRURGIA

Rivista di Chirurgia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0394-9508

Online ISSN 1827-1782

 

Chirurgia 2006 Aprile;19(2):111-3

 ORIGINAL ARTICLES

Rivascolarizzazione cardiaca off-pump mediante assistenza robotica in minitoracotomia

Mariani M. A., Codecasa R., D’Alfonso A., Grandjean J. G.

Department of Cardio Thoracic Surgery University Hospital of Pisa, Italy

Obiettivo. La chirurgia coronarica mini-invasiva mediante piccola toracotomia è un intervento standardizzato per la rivascolarizzazione off-pump della coronaria discendente anteriore ed i recenti sviluppi nella tecnologia robotica hanno reso possibile l’utilizzazione dell’arteria mammaria a torace chiuso.
Metodi. Da febbraio a dicembre 2001, 27 pazienti sono stati sottoposti ad intervento di by-pass con arteria mammaria utilizzando il robot “Da Vinci” (Intutitive Surgical, Mountain View, CA, USA). In due pazienti la rivascolarizzazione mediante robot della arteria discendente anteriore e dei rami marginali è stata eseguita mediante graft costituiti da entrambe le arterie mammarie in minitoracotomia sinistra. Entrambe le mammarie sono state confezionate usando il robot “Da Vinci” e quindi è stata eseguita una mini toracotomia antero-laterale sinistra. I graft compositi e le anastomosi tra graft e vasi coronarici sono state eseguite in off-pump in visione diretta.
Risultati. Entrambi i pazienti sono stati dimessi rispettivamente 6 e 8 giorni dopo l’intervento senza complicazioni postoperatorie. Ad un follow-up di tre mesi non è stata riscontrata evidenza di ischemia antero-laterale.
Conclusioni. Mediante la nostra tecnica c’è il vantaggio della rivascolarizzazione coronarica off-pump con graft a T di entrambe le mammarie su arteria discendente anteriore e circonflessa senza necessità di sternotomia. Nei pazienti diabetici o affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva questa tecnica previene le complicanze relative alla sternotomia. Le anastomosi sono eseguite in visione diretta e con tecniche standard e quindi i risultati previsti a medio-lungo termine sono simili a quelli ottenuti mediante la normale tecnica chirurgica

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina