Ricerca avanzata

Home > Riviste > Chirurgia > Archivio > Chirurgia 2006 Febbraio;19(1) > Chirurgia 2006 Febbraio;19(1):57-9

ULTIMO FASCICOLO   ARCHIVIO   EPUB AHEAD OF PRINT   I PIÙ LETTI

Chirurgia 2006 Febbraio;19(1):57-9

 

    CASI CLINICI

By-pass in situ nel trattamento delle infezioni delle protesi vascolari sintetiche a livello inguinale

Sunar H., Ege T., Canbaz S., Çikirikçiodlu M., Edis M., Halici Ü., Duran E.

Trakya University Medical School Department of Cardiovascular Surgery, Edirne, Turkey

Le infezioni dei graft vascolari sintetici rappresentano un problema di difficile risoluzione per la chirurgia vascolare. Normalmente è necessario asportare il graft e procedere al riposizionamento di uno nuovo con notevoli difficoltà. Presentiamo i casi di due infezioni di graft inguinali trattati con l’asportazione del graft ed il confezionamento di un nuovo graft in situ con vena safena. Due pazienti con by-pass femoro-popliteo in politetrafluoroetilene (ptfe) sono stati ricoverati per raccolte purulente nelle vicinanze del graft. È stato eseguito l’esame colturale del materiale ottenuto aspirando la cavità intorno al graft. I pazienti sono stati trattati con il posizionamento di un nuovo graft femoro-popliteo in situ con vena safena mediante anastomosi al di fuori dell’area infetta a livello prossimale con l’arteria femorale comune e distalmente a livello dell’arteria poplitea sotto il ginocchio. È stata eseguita contemporaneamente l’asportazione del vecchio graft sintetico infetto. Una adeguata terapia antiobiotica è stata somministrata per 15 giorni dopo l’intervento. L’esame colturale ha rivelato in un paziente uno stafilococco meticellino-resistente e uno stafilococco epidermidis nell’altro paziente. L’infezione è stata curata con l’asportazione del graft e mediante terapia antiobiotica mirata. La pervietà del graft ed il recupero della coscia sono stati valutati nei due pazienti per un follow-up di10 mesi. Non si sono verificate ulteriori infezioni. L’uso in situ di graft con vena safena, se non usata precedentemente, può essere preferita come condotti autogeni nel trattamento delle infezioni dei grafts femoro-poplitei, il by-pass viene eseguito in piani anatomici puliti ed un nuovo by-pass può essere confezionato prima di rimuovere quello vecchio.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina