Ricerca avanzata

Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2005 Ottobre;18(5) > Chirurgia 2005 Ottobre;18(5):431-4

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOCHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Chirurgia 2005 Ottobre;18(5):431-4

 NOTE DI TECNICA

Arterial reconstruction using the deep femoral artery as an intermediate conduit between the aortoiliac and the infrapopliteal arteries

Shindo S., Kubota K., Kojima A., Matsumoto M.

L'arteria femorale profonda spesso rappresenta un'importante arteria collaterale dalla regione aortoiliaca a quella infrapoplitea in pazienti con occlusione arteriosa diffusa dovuta a arteriosclerosi obliterante. Questa arteria viene anche comunemente risparmiata dalla grave aterosclerosi. Di conseguenza, la plastica arteriosa utilizzando l'arteria femorale profonda quale intermediaria tra l'aorta addominale e l'arteria infrapoplitea rappresenta un bypass chirurgico efficace per trattare un arto ischemico, specialmente per prevenire l'amputazione nei pazienti con ischemia critica dell'arto inferiore. Questa tecnica è anche utile nei pazienti che necessitano di una procedura secondaria a causa di un'occlusione dell'anastomosi aortofemorale o femoropoplitea eseguita in precedenza. A causa del calibro relativamente ridotto del tratto distale dell'arteria femorale profonda, viene utilizzata una protesi vascolare sintetica per favorire il flusso in entrata e si esegue un'anastomosi venosa per il flusso in uscita dal bypass. In undici pazienti, per trattare l'ischemia critica di un arto inferiore, è stata utilizzata questa tecnica: in 4 casi la procedura è stata primaria, in 7 secondaria. Sebbene a distanza di un mese si sia avuto in un caso occlusione dell'anastomosi venosa distale a causa della torsione della vena anastomizzata, le restanti10 anastomosi sono rimaste pervie durante il periodo di follow up. Questa tecnica rappresenta un'alternativa particolarmente utile per le procedure secondarie, evitando di danneggiare ulteriormente i tessuti circostanti l'arteria femorale comune che era stata isolata e anastomizzata nel primo intervento.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina