Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2005 Ottobre;18(5) > Chirurgia 2005 Ottobre;18(5):255-62

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

REVIEW  


Chirurgia 2005 Ottobre;18(5):255-62

lingua: Inglese

Management of anorectal incontinence in adults

Kouraklis G., Andromanakos N.


PDF  


La continenza anorettale è stata definita come la capacità di controllare la defecazione volontaria, di avvertire la qualità del contenuto rettale e di mantenere il controllo notturno. Varie cause possono provocare danni anatomici e all'innervazione del pavimento muscolare pelvico, così come alla sensibilità anorettale e alla compliance rettale. Gli stati diarroici, così come i traumi dello sfintere rappresentano cause importanti di incontinenza fetale. Frequentemente la causa dell'incontinenza anorettale è idiopatica. La diagnosi viene posta tramite un'attenta anamnesi, un attento esame obiettivo e tramite indagini selettive e specializzate. Sono diventati disponibili un numero sempre maggiori di trattamenti per gestire l'incontinenza fecale. La gestione dei pazienti incontinenti, dopo una che sia stata fatta una diagnosi accurata della causa dell'incontinenza, può essere di tipo conservativo (farmacologico, addestramento, stimolazione elettrica), chirurgico (a livello dello sfintere, a livello post-anale, formazione di un nuovo sfintere) o può riguardare la stimolazione del nervo sacrale. L'intervento chirurgico viene eseguito quale trattamento di scelta nei pazienti nei quali i difetti strutturali e funzionali del pavimento muscolare pelvico o del complesso comprendente lo sfintere anale possono essere corretti meccanicamente. Gli interventi volti a formare un nuovo sfintere comprendono la gluteoplastica, la graciloplastica non stimolata uni- o bilaterale e lo sfintere artificiale del colon. L'alternativa più recente, la stimolazione del nervo sacrale, sembra essere promettente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail