Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2005 Agosto;18(4) > Chirurgia 2005 Agosto;18(4):175-80

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2005 Agosto;18(4):175-80

lingua: Inglese

Non-palpable breast lesion-biopsy by ABBI® system. A diagnostic tool

Rulli A., Lauro A., Bisacci C., Cirocchi R., Carli L


PDF  


Obiettivo. La mortalità per carcinoma della mammella è in decremento grazie alle innovazioni terapeutiche oggi in uso e all¹aumentato utilizzo della mammografia di screening:molte delle pazienti sottoposte a screening necessiteranno di una biopsia mammaria.La FNA non è sempre adeguata,cosicchè il numero delle biopsie mammarie eseguite chirurgicamente per lesioni non palpabili della mammella (microcalcificazioni, distorsioni parenchimali,noduli inferiori a 10 mm e noduli associati a microcalcificazioni) sta aumentando, sebbene molte delle lesioni siano benigne. È quindi necessario migliorare la qualità delle biopsie,selezionare i pazienti da portare in sala operatoria e ottenere un miglior processo di costo-beneficio: in questo articolo riportiamo la nostra esperienza con il sistema ABBI® (Advanced Breast Biopsy Instrumentation-Autosuture Company) come strumento diagnostico.
Metodi. il sistema ABBI® è un sistema radiologico digitale costituito da un braccio meccanico guidato da un computer , in grado di far penetrare un ago da biopsia all¹interno della lesione mammaria o di rimuovere un¹area mammaria (fino a 20 mm) attraverso l¹utilizzo di cannule speciali, sotto anestesia locale: è conformato anatomicamente, con la testa e le spalle della paziente sullo stesso piano orizzontale (quindi con rilassamento completo dei muscoli pettorali), permettendo una procedura più accurata.
Risultati. In un anno, abbiamo effettuato 141 procedure (59 biopsie escissionali e 82 core-biopsy): 98 di queste erano lesioni benigne. Abbiamo rimosso 30 noduli (22 benigni e 8 maligni), 23 microcalcificazioni (13 benigne e 10 maligne), 5 noduli associati a microcalcificazioni (5 benigni) e 1 distorsione parenchimale (1 benigna). Durante tali procedure non si sono verificate complicanze clinicamente rilevanti (1 ematoma mammario, guarito spontaneamente). Abbiamo anche effettuato core-biopy multiple su 82 pazienti: 63 noduli(45 benigni e 18 maligni), 10 microcalcificazioni (9 benigne e 1 maligna), 5 noduli associati a microcalcificazioni (3 benigni e 2 maligni) e 3 distorsioni parenchimali (3 maligni). Una lesione era positiva soltanto alla Risonanza Magnetica.
Conclusioni. Il sistema ABBI® rappresenta una procedura di day-hospital, veloce (fino a 15 minuti), di facile esecuzione tecnica, sicura ed in grado di migliorare il processo di costo-beneficio delle biopsie mammarie: permette un buon risultato cosmetico e, in caso di referto istopatologico benigno, una procedura a singolo step. Nella nostra esperienza, più del 69% delle core-biopsy e delle biopsie escissionali erano benigne e non sono andate in sala operatoria: il sistema ABBI® potrà rappresentare uno strumento diagnostico accurato ed ideale nel management delle lesioni non palpabili della mammella.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail