Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2005 April;18(2) > Chirurgia 2005 April;18(2):61-4

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

REVIEW  


Chirurgia 2005 April;18(2):61-4

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

I gozzi immersi

Proye C., Ippolito G., Moreno S., Montoya G.


PDF  


Un gozzo è definito come immerso quando il suo polo inferiore è situato a più di 4 dita traverse al di sotto del bordo superiore del manubrio, che corrisponde sulla radiografia del torace in antero-posteriore al bordo inferiore della 2° vertebra dorsale. Un gozzo diventa immerso come risultato dell'azione del suo peso; viene osservato sempre al di sopra dei 40 anni ed è raramente maligno. Tutti i gozzi immersi devono essere operati perché l'evoluzione può determinare delle complicanze respiratorie. La grande maggioranza dei gozzi immersi possono essere lussati per via cervicale, con una buona installazione e un'adeguata incisione, mentre tutte le tecniche di lussazione alla cieca dovranno essere evitate. La tecnica del Tobbogan dovrebbe essere utilizzata cominciando con la mobilizzazione dell'istmo, successivamente la dissezione della regione intercricotiroidea e la legatura delle branche del peduncolo tiroideo superiore; una volta identificati la paratiroide superiore e il nervo ricorrente alla sua terminazione nella membrana cricotiroidea, quest'ultimo verrà seguito per dissezione retrograda sino allo stretto toracico superiore; il gozzo verrà quindi estratto con visualizzazione e legatura del peduncolo venoso inferiore. La via d'accesso toracica ha delle indicazioni limitate, ma quando sono presenti una via combinata cervicotomica con sternotomia è la più indicata per i gozzi del mediastino anteriore; una via combinata con toracotomia antero-laterale è indicata per il gozzi del mediastino anteriore di destra, mentre una via combinata con toracotomia postero-laterale è indicata per i gozzi del mediastino posteriore.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail