Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2005 Febbraio;18(1) > Chirurgia 2005 Febbraio;18(1):25-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Chirurgia 2005 Febbraio;18(1):25-8

lingua: Italiano

Ittero ostruttivo come sintomo d'esordio in soggetto con leucemia monocitica acuta.Caso clinico.

Tomasello G., Castronovo G., Ciulla A., Damiani P., Damiani S., Franco V., Tripodo C.


PDF  


Un paziente di 24 anni si è presentato alla nostra osservazione con una sintomatologia caratterizzata da dolore addominale, febbre e ittero. L'esame ecografico dell'addome mostrava una colecisti litiasica con dilatazione della via biliare principale senza immagini da riferire a calcoli nel suo interno. La colangio-RM mostrava una stenosi del terzo distale del coledoco con dilatazione del tratto a monte. Lo stesso quadro veniva mostrato da una colangiopancreatografia endoscopica retrograda. Il paziente veniva, quindi, sottoposto a laparotomia esplorativa. La colecisti non conteneva calcoli, ma nella zona infundibolare era palpabile un nodulo duro, rotondeggiante, apparentemente indovato nello spessore della parete. Un'altra formazione di consistenza dura era palpabile nel tratto medio del coledoco. Inoltre, furono evidenziati alcuni linfonodi aumentati di dimensioni in sede mesenterica e dell'ilo epatico. Si procedeva all'esecuzione di una colangiografia: il dotto biliare principale presentava una stenosi nella sua porzione distale, il passaggio del mezzo di contrasto in duodeno, anche se ridotto, era mantenuto. Si procedette a biopsia di un linfonodo dell'ilo epatico e a colecistectomia. L'esame istologico estemporaneo del linfonodo ilare dimostrava un quadro di leucemia monocitica acuta. L'intervento fu concluso con il confezionamento di una coledoco-duodenostomia su tubo di Kehr. Il decorso postoperatorio è stato regolare e privo di complicanze e il paziente è stato sottoposto a chemioterapia. Sette anni dopo l'intervento il paziente è vivo e in assenza di malattia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail